HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDelitto Roberto Scipilliti: dopo il fermo si indaga sui presunti appuntamenti a pagamento

Delitto Roberto Scipilliti: dopo il fermo si indaga sui presunti appuntamenti a pagamento

di

Roberto Scipilliti è scomparso da Roccalumera il 5 gennaio. Dopo 9 giorni è stato trovato privo di vita nelle campagne di Savoca con un colpo di pistola alla nuca. Per il delitto è stata arrestata Patrizia Caminiti ma il cerchio si stringe anche intorno al compagno Fabrizio Ceccio.

Fonte: Gazzetta del Sud

Patrizia Caminiti è stata dimessa dall’ospedale di Taormina in seguito ad una pancreatite. Per le si sono aperte immediatamente le porte del carcere di Catania. Il compagno Fabrizio Ceccio invece è detenuto a Gazzi. I due sono ritenuti responsabili dell’omicidio di Roberto Scipilliti, il vigile del fuoco scomparso da Roccalumera i primi di gennaio e trovato dopo nove giorni ormai privo di vita. Velocissime le indagini che hanno portato all’individuazione dei responsabili come riporta Tempo Stretto, il quotidiano online di Messina. Ceccio era latitante da un anno ed è stato arrestato lo scorso 16 gennaio mentre tornava con la compagna dal Nord Italia. Era già in carcere quanto è stato emesso il provvedimento.

Roberto Scipilliti è stato ucciso il pomeriggio del 5 gennaio steso con un colpo alla nuca, poi hanno abbandonato le campagne. Non è ancora chiaro chi è stato a premere il grilletto ma si pensa che si tratti di un’esecuzione al femminile. La donna e l’uomo avevano noleggiato la macchina, una Panda Gialla, studiando nei minimi dettagli il piano, poi sono partiti per la Toscana. Sono stati incastrati dalle telecamere di videosorveglianza, dalle copiose tracce di sangue sui sedili e dai tabulati telefonici dell’utenza della vittima. Per quanto riguarda le indagini sul movente, sono ancora in corso e sono diverse le ipotesi al vaglio degli inquirenti. Il vigile del fuoco era stato arrestato nel 2014 per truffa e l’omicidio potrebbe essere collegato proprio agli ambienti illeciti in cui trafficavano. Anche Ceccio aveva precedenti per truffa (compravendite di autovetture). Tuttavia, secondo alcune indiscrezioni che trapelano dagli ambienti investigativi, lo scenario potrebbe essere diverso. Si parla infatti di chat erotiche e appuntamenti a pagamento.

Lascia un commento

Back to Top