HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitto Sarah Scazzi: 12 rinviati a giudizio per depistaggio
Sarah Scazzi

Delitto Sarah Scazzi: 12 rinviati a giudizio per depistaggio

di

Sono 12 le persone rinviate a giudizio e accusate a vario titolo di falsa testimonianza e altri reati nell’ambito dell’inchiesta per il delitto di Sarah Scazzi. La prima udienza del processo si terrà il prossimo 3 aprile, tra gli imputati Michele Misseri e Ivano Russo.

Il delitto Sarah Scazzi è tornato di grande attualità, l’eco delle vicende giudiziarie non si è mai sopito. Dopo l’annuncio del ricorso in Cassazione che potrebbe ribaltare l’esito della sentenza di secondo grado con cui è stato confermato l’ergastolo a Sabrina Misseri e sua madre Cosima Serrano, ecco che arrivano delle importanti novità Il prossimo 3 aprile infatti ci sarà il nuovo processo che vede come imputate 12 persone. La corte di Assise di Taranto si riunirò per la sentenza, dura la replica degli avvocati di parte civile che ai giornalisti hanno detto che ora la famiglia di Sarah Scazzi attende una risposta.

Nel rinvio a giudizio a firma del gup sono riportati anche i reati di cui sono accusati i 12 imputati. Si va dalla falsa testimonianza alle false informazioni al pubblico ministero oltre a calunnia e autocalunnia nella delicatissima fase delle indagini per l’omicidio dell’adolescente di Avetrana uccisa il 26 agosto 2010 e gettata in un pozzo. I nomi sono già noti, tra questi spiccano quelli di Ivano Russo, amico di Sabrina Misseri, ‘motivo’ di discussione con la cugina Sarah Scazzi, la madre Elena Baldari, il fratello Claudio Russo, la fidanzata dell’epoca Antonietta Genovino. Michele Misseri invece deve rispondere di autocalunnia perché si accusò dell’omicidio della nipote per proteggere la figlia. Vi sono ancora Maurizio Misseri, Giuseppe Olivieri, Alessio Pisello, Giovanni Buccolieri il ‘sognatore’ che vide Cosima e Sabrina rapire la giovane Sarah, Anna Scredo, Dora e Giuseppe Serrano. Menzogne e calunnie in questa torbida vicenda di cronaca nera che ha come vittima una ragazza ‘colpevole’ di essere troppo spensierata.

Lascia un commento

Back to Top