HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsDelitto Varani, Foffo difeso dal padre: “Mio figlio non è gay, è stato minacciato”

Delitto Varani, Foffo difeso dal padre: “Mio figlio non è gay, è stato minacciato”

di
valter foffo

Valter Foffo

A parlare è nuovamente il padre di Manuel Foffo, accusato di omicidio per aver brutalmente ucciso insieme a Marco Prato il 23enne Luca Varani. Ecco cosa ha detto questa volta Valter Foffo

Nonostante le dichiarazioni choc del figlio, Valter Foffo torna nuovamente a difendere il figlio Manuel, incentrandosi principalmente sulla presunta omosessualità di quest’ultimo, che sembrerebbe essere stato ricattato da Marco: Mio figlio Manuel non è gay. Marco lo ricattava dopo aver girato un video di un rapporto sessuale con lui. E lui era devastato dalla vergogna. Mio figlio si sentiva stretto in un angolo me lo ha detto, anche per questo ha accettato di rincontrare Prato, per cercare di convincerlo a cancellare quel filmato”.

Un rapporto sessuale Manuel e Marco lo avevano avuto la notte di Capodanno, ed è proprio da quel giorno che Prato avrebbe ricattato Foffo, minacciandolo di far conoscere a tutti quel video in cui era stato immortalato mentre faceva sesso con il ragazzo.

Manuel, secondo quanto dichiarato dal padre, è devastato da quanto accaduto e fatto a Luca Varani: “Solo adesso si sta rendendo conto di quello che ha compiuto – continua Valter Foffo – dell’atroce delitto di cui si è macchiato. Sono convinto che la droga, la cocaina e chissà quali altre sostanze assunte, abbiano contribuito ad annebbiare la lucidità di Manuel, che però non è gay. [..] A noi Foffo non piacciono i gay, ci piacciono le donne. E mio figlio non è da meno”.

Valter Foffo ha inoltre negato che il figlio avrebbe voluto ucciderlo: “Non ha mai detto che voleva uccidermi. La prima e l’ultima coltellata l’ha inferta Marco Prato. Io spero soltanto che esca la verità”.

E riguardo al presunto aiuto dato dalla mamma Daniela, la quale avrebbe dato stracci e saponi per ripulire la scena del crimine? “Daniela non ha aperto la porta quella mattina – conclude Foffo – Mio figlio ha le chiavi di casa, è entrato per prendere una bottiglia d’acqua, nessuno straccio o sapone anche perché è Daniela che gli andava sempre a pulire casa, ha salutato la madre che era in un’altra stanza e che quindi non l’ha potuto vedere”.

Fonte: Tgcom24

Lascia un commento

Back to Top