HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitto Yara Gambirasio, domani il confronto tra Massimo Bossetti e il pm

Delitto Yara Gambirasio, domani il confronto tra Massimo Bossetti e il pm

di

Letizia Ruggeri, che ha seguito l’inchiesta sin dai primi giorni, andrà a trovare l’uomo sospettato dell’omicidio che vuole raccontare la sua verità. E presto passerà da lui anche la madre

yara-gambirasio-ultime-notizieSta per arrivare uno dei giorni chiave dopo l’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti come presunto autore del rapimento e dell’assassinio di Yara Gambirasio. Perché domani, 8 luglio, il muratore bergamasco incontrerà per la prima volta in carcere il pm che si è occupato sin dall’inizio dell’inchiesta, Letizia Ruggeri.

Dopo essere rimasto in silenzio durante i primi interrogatori e i giorni passati in carcere, Bossetti vuole avere la possibilità di raccontare la sua verità, soprattutto perché secondo lui dall’arresto ad oggi sono state dette troppe falsità sul suo conto. Ora lo sa, perché da qualche giorno gli è possibile leggere i giornali e guardare la televisione, quindi ha anche pienamente coscienza di quello che viene raccontato su di lui. Così tramite i legali che lo seguono, Claudio Salvagni e Silvia Gazzetti, ha chiesto di incontrare il pm, ricevendo parere favorevole.

Di particolari da chiarire ce ne sono in effetti molti, a cominciare dalla presenza del suo Dna sul corpo della povera Yara e dai suoi spostamenti nel giorno della scomparsa. Resta da vedere se Bossetti si lascerà trascinare in spiegazioni che potrebbero ritorcersigli contro in sede processuale oppure si limiterà a dare una sua versione dei fatti senza chiarire eventuali obiezioni. E intanto pare che i suoi legali vogliano chiedere una ripetizione dell’esame del Dna per verificare la compatibilità tra le tracce di sangue rinvenute sui leggings e sugli slip di Yara e il codice genetico del loro assistito.

Ma non è tutto, perché già questa settimana l’uomo dovrebbe incontrare in carcere la madre, Ester Arzuffi, a modo suo come sappiamo l’anello di congiunzione trovato dagli inquirenti tra le tracce lasciate sul corpo e ‘Ignoto 1’ identificato poi come Massimo Bossetti.

Lascia un commento

Back to Top