HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiDesirée Fusco: ancora nessuna notizia dal 29 Agosto, le ricerche continuano

Desirée Fusco: ancora nessuna notizia dal 29 Agosto, le ricerche continuano

di

Dal 29 agosto Desirée Fusco è scomparsa, ha detto alla madre che andava a buttare la spazzatura ed è sparita nel nulla

Desiree-FuscoSono le 9 di sera dello scorso 29 agosto a Rovellasca, in provincia di Como, una donna chiede alla figlia di andare a gettare la spazzatura, di solito è proprio lei che si occupa delle faccende domestiche quando la madre è impegnata con il lavoro.

La ragazza si chiama Desirée Fusco ed ha 17 anni ed è vestita da “casa”, una magliettina e dei leggins quando esce per andare a gettare l’immondizia nel cassonetto.
Esce di casa e deve percorrere solo pochi metri, ma qualcosa accade, Desirée Fusco non fa rientro a casa e scompare.
La madre viene subito allarmata dall’altra figlia Sharon che non vedendo Desirée in casa le chiede dove fosse, la donna le dice che Desirée è andata a gettare l’immondizia pochi minuti prima e con sopresa Sharon le risponde che li vicono a quel cassonetto Desirée non c’è.

Immediatamente la madre con l’altra figlia Sharon scendono e iniziano a cercarla, ma di Desirée Fusco nessuna traccia, sparita nel nulla.
Desirée Fusco non potrebbe andare molto lontano infatti quando esce di casa non ha con se ne soldi, ne documenti, ne vestiti. C’è subito moltissima apprensione in quanto Desirée Fusco, seppure diciasettenne, sembra molto più piccola sia fisicamente sia come maturità.

E’ alta appena un metro e mezzo e per tutti sembra appena una quindicenne.
Desirée Fusco l’anno scorso ha deciso di smettere di studiare e da allora aiuta la mamma in casa faccendo le faccende domestiche ha anche un fidanzato ma è molto più grande, ha 29 anni e proprio il giorno prima della sua scomparsa i due avevano litigato. Desirée Fusco voleva lasciarlo e stare un pò per i fatti suoi soprattutto per il suo malessere per la situazione familiare.

La famiglia di Desirèe è composta da lei, dalla madre e da altri tre fratellini, il padre circa 6 anni fa li ha lasciati soli. Un padre assente, che non ha mai aiutato la sua famiglia e di questo Desirée Fusco ha molto sofferto nella sua infanzia.
Una sofferenza che ha portato la ragazza ad avere dei disturbi della personalità. ed anche la scelta di legarsi ad un ragazzo molto più grande di lei è sintomatico di un grave disagio.
Il 25 agosto era il compleanno di uno degli altri figli e il padre invia un messaggio di auguri, Desirée Fusco non accetta quel freddo messaggio e inizia ad alterarsi e ad essere contrariata, tanto che decide, quattro giorni prima della  scomparsa, di chiamare il padre e non trovandolo di lasciargli alcuni messaggi vocali. Alcuni sono davvero drammatici e denotano tutta l’amarezza verso quel padre che li ha abbandonati: “Tu per me non esisti più, visto che te ne sei andato e l’hai abbandonato quando aveva un anno e non avevamo niente, nè mangiare nè latte, niente. Solo pensare che tu hai quattro figli, e te stai con i figli degli altri”.

Sono trascorse quasi tre settimane, un pò troppi per una ragazzina non abituata ad uscire dal suo piccolo paese.
Ipotizzando però una sua fuga, l’unica via potrebbe essere la stazione ferroviaria e l’unico treno che passava a quell’ora per la stazione di Rovellasca Manera.

Ma all’orario di arrivo del treno le ricerche erano già partite e alcuni parenti erano proprio andati in stazione per verificare se salisse su quel treno, ma Desirèe non era in stazione.
Nell’arco di dieci minuti si è conusmata la sparizione, il mistero è fitto.

Dalle celle telefoniche si è appurato che l’iphone di Desirèe è rimasto attivo fino al 31 agosto e l’ultima posizione è stata segnalata a Milano nella zona dei navigli, da allora anche il telefonino non ha più risposto.
La madre su questo strano movimento del telefonino, ha immaginato vari scenari, un depistaggio oppure Desirèe avrebbe potuto venderlo per avere un pò di soldi.
Nella scorsa puntata di Chi l’ha visto la madre ha lanciato un disperato appello.

Lascia un commento

Back to Top