HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsDomenico Maurantonio: nessun lassativo e tanto alcol
domenico maurantonio

Domenico Maurantonio: nessun lassativo e tanto alcol

di

E’ arrivata la conferma ufficiale: Domenico Maurantonio non ha ingerito lassativi. Dai risultati delle analisi tossicologiche è stata rilevata un’ingente quantità di alcol. Gli inquirenti sono tornati sotto la finestra dell’hotel di Milano per tentare di ricostruire ancora una volta l’esatta dinamica dei fatti che ha portato alla morte del 19enne.

domenico maurantonioDomenico Maurantonio è deceduto lo scorso 10 maggio dopo aver fatto un volo dal quinto piano di un hotel di Milano. Originario di Padova, si trovava nel capoluogo lombardo in gita scolastica. Dall’autopsia sono emersi nuovi dettagli. Il ragazzo non ha ingerito lassativi, inoltre i periti nominati dalla Procura di Milano hanno effettuato dei test tossicologici dai quali sarebbe emerso che nel corpo c’era una quantità di alcol tre volte più alta. Il pm che segue il caso, dopo aver radunato la squadra mobile per esporre i risultati dei test, ha disposto delle prove cinetiche per capire la dinamica del volo di Domenico Maurantonio.

Domenico aveva smesso di bere poco prima della tragedia in quanto l’alcol non era ancora entrato in circolo. Dalle stesse analisi è emerso che non aveva fatto abuso di sostanze stupefacenti. Sul corpo del 19enne non sono stati trovati altri segni, dunque i medici sono a lavoro per analizzare le tracce di DNA trovate sotto le unghie.

Quella notte Domenico Maurantonio aveva bevuto del liquore alla prugna con gli amici sino alle 5.30. I ragazzi hanno raccontato che quando sono andati a dormire Domenico stava bene. Eppure circa 3 ore dopo è stato ritrovato in cortile, con indosso solo la maglietta e i pantaloncini e gli slip sporchi poco distanti. E’ caduto da solo mentre cercava di defecare dalla finestra in preda ai fumi dell’alcol o c’era qualcuno insieme a lui? La risposta potrebbe arrivare presto.

Il legale dei Maurantonio ha rinnovato ancora una volta l’appello ai compagni affinché si facciano avanti e parlino.

Fonte: Repubblica Milano

Lascia un commento

Back to Top