HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDossierNewsDonato Sifanno ucciso in un agguato a Bari
donato sifanno

Donato Sifanno ucciso in un agguato a Bari

di

La vittima dell’agguato a Bari è  Donato Sifanno, già noto alle forze dell’ordine e conosciuto come “Pinuccio il drogato”.

Nella serata di ieri si è assistito a un omicidio a Bari, vittima dell’agguato Donato Sifanno, 35 anni, con precedenti penali.

L’uomo è stato ritrovato senza vita nel rione san Paolo di Bari, qui Donato Sifanno è stato ucciso con  diversi colpi di pistola.Donato Sifanno

Siamo di fronte ad un omicidio di matrice mafiosa?

Donato Sifanno, già famoso alle forze dell’ordine, era il nipote del ritenuto boss della mala barese Giuseppe Mercante, famosissimo con il soprannome di “Pinuccio il drogato”.

Secondo le prime indagini da parte degli inquirenti che hanno ricostruito il delitto prevedono che Donato Sifanno era, ignaro di quello che gli stava per accadere, al volante di un’Audi A6 quando è stato affiancato dal possibile killer o dai killer.

L’auto è stata crivellata di proiettili, una pioggia infinita di piombo che non ha lasciato scampo al 35enne, Donato Sifanno, morto sul colpo.

Ad occuparsi delle indagini occupano sono gli investigatori della squadra mobile mentre la polizia scientifica è alle prese con i rilievi del caso.

La stampa locale riporta come il  nipote di Mercadante era già rimasto ferito a una caviglia in un precedente agguato, il 3 dicembre scorso, verificatosi sempre nel quartiere San Paolo, in via don Gnocchi.

Attendiamo sviluppi in merito sulla vicenda.

Ancora ignaro il movente che ha portato all’agguato e alla morte di Donato Sifanno, per gli inquirenti potrebbe essere di matrice camorristica.

Sconvolta la popolazione del luogo per la gravità dell’evento e la brutalità dell’esecuzione che ha portato alla morte dell’uomo 35 enne.

Un evento che si va a sommare a tanti altri che si verificano in una terra martoriata da omicidi, assassini.. una terra sconvolta da una serie infinita di cronaca nera.

Da chiarire la connessione tra Donato Sifanno e i clan camorristici del posto: questo è l’obiettivo che si è posto la  squadra mobile locale.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Back to Top