HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti StradaliUltimissimeAuto pirata ammazza bimbo di tre anni, si cerca il conducente

Auto pirata ammazza bimbo di tre anni, si cerca il conducente

di

Sotto gli occhi della madre, sulla via Romea Sud.

Aggiornamento 20.03. Il nonno del bimbo che è stato investito e poi ucciso ha dichiarato riferendosi al pirata della strada: “Da quello che ha visto il papà era un uomo, un ragazzo, credo da solo ma non sono molto sicuro. Credo che mio figlio gli abbia anche lanciato qualcosa sul vetro della macchina che l’ha colpito, ma lui è andato via lo stesso dopo che ha visto che aveva investito il bambino, è scappato via uguale. Si è fermato un più avanti. Sicuramente ha capito che aveva investito il bambino”.ravenna

Michele Forleo, è il bisnonno del bambino, che poi aggiunge: “Spero che lo prendano e che lo facciano marcire in galera. Perché io, ammazzarlo non mi conviene, che vado in galera dopo. È meglio che lo prendano e lo fanno marcire in galera. Un bambino che ci mancava solo un mese per fare tre anni…”

Un’auto guidata da un pirata della strada proprio  ieri sera intorno alle 21.00 ha investito e ucciso un bimbo di 3 anni sotto gli occhi della madre.

Questo è accaduto a Ponte Nuovo, frazione di Ravenna.

L’impatto che poi si è rivelato mortale è avvenuto sotto casa del piccolo, sulla via Romea Sud.

Secondo le prime testimonianze che sono stata raccolte dagli inquirenti  l’auto pirata sarebbe una Mercedes di colore scuro e con targa straniera.

Il bambino sarebbe stato travolto di netto  sulle strisce pedonali insieme alla madre, ed è stato poi trascinato dal veicolo per quasi 100 metri.

Una volta scattato l’allarme il piccolo è stato prontamente condotto al pronto soccorso ma è poi morto poco dopo il suo arrivo in ospedale a causa delle gravi ferite riportate nell’incidente.

Secondo la polizia municipale che sta dando la caccia all’auto pirata la Mercedes viaggiava a velocità elevata e dopo l’impatto il conducente sarebbe fuggito verso Classe (Ravenna).

 

 

 

 

Tags:

Lascia un commento

Back to Top