HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoDublino, italiano uccide coinquilino

Dublino, italiano uccide coinquilino

di

Il 34enne Saverio Bellante, ha ammesso di aver ucciso l’uomo con cui condivideva l’appartamento a Dublino. La ricostruzione della vicenda è agghiacciante, l’uomo ha raccontato di aver mangiato il cuore della vittima al quale però, manca un polmone

Saverio Bellante ha confessato l’omicidio con queste parole: “Ho ucciso il mio coinquilino e gli ho mangiato il cuore”La vittima di questo macabro delitto è Tom O’ Gorman, giornalista e ricercatore di Dublino, ucciso da Bellante poco prima delle due del mattino del 5 gennaio 2014, dopo una discussione per una partita di scacchi.

Saverio Bellante che occupava una stanza in affitto nell’appartamento della vittima, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe aggredito inizialmente O’ Gorman con un coltello da cucina uccidendolo, in seguito, gli avrebbe scagliato un bilanciere da palestra in testa. Dopo aver torturato l’uomo, con lo stesso coltello con cui ha inferto i primi colpi mortali, gli avrebbe poi aperto il petto ed estratto gli organi interni.

dublinoLo stesso Bellante, ha dichiarato presso la sede del tribunale di Dublino di aver mangiato il cuore del coinquilino, ma i risultati degli esami dell’autopsia, hanno rivelato che il cuore della vittima è intatto, ma che a differenza di come ha raccontato l’assassino, mancherebbe al cadavere uno dei polmoni.

Saverio Bellante vive a Dublino dal 2011 e lavora in un’azienda farmaceutica, è stato lui stesso a chiamare la polizia, a confessare l’omicidio e ad ammettere le proprie colpe. L’uomo ha rifiutato la difesa in tribunale da parte di un avvocato, annunciando di volersi difendere in modo autonomo senza l’aiuto di nessuno.

Sul profilo Facebook del 34enne si leggono alcune sue riflessioni: “Vivendo all’estero ( mi auguro non per sempre) si riscopre quanto sia bello essere italiani: si ha anche la possibilità di capire la “notte culturale” in cui è il nostro paese da decenni e di cui la politica è la peggiore espressione.”

Lascia un commento

Back to Top