HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseDelitti ItalianiNewsDuplice omicidio a Gorghetto di Bomporto: uccise madre e figlia
carabinieri

Duplice omicidio a Gorghetto di Bomporto: uccise madre e figlia

di

E’ giallo nel modenese. I corpi di due donne, madre e figlia sono stati ritrovati senza vita all’interno di un’abitazione a Gorghetto di Bomporto. Le due vittime vivevano insieme perché da qualche tempo la madre non poteva più uscire di casa a causa di un infortunio. I carabinieri sono intervenuti dopo una segnalazione e non immaginavano di trovarsi sulla scena di un terribile duplice omicidio.

carabinieriQuesta mattina i Carabinieri hanno ricevuto una telefonata che li avvisava di un omicidio, ricevendo tutte le indicazioni per raggiungere il luogo del delitto. Quando i militari sono giunti all’interno dell’abitazione segnalata, hanno trovato i corpi di due donne situati in due stanze diverse. Dopo essersi accertati della loro morte, hanno identificato le vittime. La prima è Irene Tabartoni di 93 anni, la seconda sua figlia Francesca Marchi di 50 anni, di professione insegnante. Vivevano insieme da quando l’anziana aveva subito un infortunio.

Le indagini del duplice omicidio sono ricoperte dal massimo riserbo ma grazie ad una fuga di notizie si è appreso che l’anziana è stata aggredita con un corpo contundente, mentre la cinquantenne presenta alcuni segni sul collo che fanno pensare che sia stata strangolata. Entrambe sarebbero state uccise nel sonno ma solo l’autopsia stabilirà l’ora e le cause del decesso. A quanto pare a dare l’allarme è stato il marito della donna, una guardia giurata che ha raggiunto l’abitazione situata in Via Padella intorno alle 7:30. Ascoltato a lungo dagli inquirenti, l’uomo ha dichiarato di non essersi accorto di rumori o presenze sospette. Intanto resta il mistero su quello che potrebbe essere il movente di questo duplice omicidio visto che sulla porta di ingresso non ci sono segni di scasso.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Modena e al momento non vi sono ancora iscritti nel registro degli indagati.

Lascia un commento

Back to Top