HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsEgiziano ucciso a Monteverde: fermato il cugino

Egiziano ucciso a Monteverde: fermato il cugino

di

Hashem El Sayed Gaafar, l’egiziano di 49 anni trovato senza vita nei giorni scorsi nel quartiere Monteverde di Roma, sarebbe morto per strangolamento. Gli esperti nelle ultime ore avrebbero fermato il cugino ritenuto il presunto responsabile dell’omicidio

foto ansa - delitti.netHashem El Sayed Gaafar secondo il medico legale che ha eseguito un primo esame sul cadavere è stato strangolato prima di essere legato e gettato in un sacco della spazzatura. A compiere l’atroce gesto sarebbe stato suo cugino, anche lui egiziano, che avrebbe ucciso l’uomo molto probabilmente per una questione di soldi.

Quest’ultimo avrebbe infatti utilizzato i soldi rubati al 49enne, circa 5.000 euro, per pagare l’affitto dei locali di una frutteria che avrebbe dovuto aprire a breve. Quei soldi, che la vittima disponeva prima di scomparire, non sono stati trovati dagli esperti che avrebbero scoperto poco dopo il delitto essere stati utilizzati proprio dal presunto assassino che avrebbe addirittura utilizzato più volte il cellulare della vittima.

Il fratello di Hashem El Sayed Gaafar prima del fermo del cugino aveva inoltre dichiarato che con il 49enne avrebbe dovuto aprire proprio una frutteria: “Presto avremo aperto insieme una frutteria. In passato abbiamo lavorato come fiorai e in alcune pizzerie a taglio vendevamo anche kebab. Ultimamente mio fratello era terrorizzato doveva sicuramente dei soldi a qualcuno. Il nostro ambiente all’estero è particolare. Spesso abbiamo a che fare con persone poco raccomandabili, ma mio fratello era una persona perbene e onesta, un instancabile lavoratore”.

L’egiziano, che nella sua vita aveva svolto svariati lavori, viveva in Italia da oltre dieci anni ma in Egitto aveva lasciato sua moglie e la figlia alle quali sperava di garantire un futuro sereno.

Intanto le indagini per questo ennesimo brutale ed insensato omicidio continuano per cercare di fare maggiore chiarezza sulla causa che ha scatenato il delitto ed avere ulteriori conferme sul suo autore.

Lascia un commento

Back to Top