HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsElia Barbetti, 17enne morto in gita a Milano. La famiglia: “Vogliamo la verità”

Elia Barbetti, 17enne morto in gita a Milano. La famiglia: “Vogliamo la verità”

di

elia barbettiE’ ancora giallo sulla morte di Elia Barbetti, il 17enne precipitato dal sesto piano di un hotel a Milano. La famiglia chiede la verità

Sono passati solo cinque mesi da quando una spensierata gita scolastica si è trasformata in tragedia. Domenico Maurantonio è precipitato dal quinto piano di un hotel che ospitava la sua classe partita per poter visitare l’Expo. La triste storia sembrerebbe ripetersi. Questa volta a precipitare dal sesto piano del Camplus Living Turro di Milano è stato Elia Barbetti, 17enne originario di Livorno e giovane promessa del calcio. Anche Elia era in gita per visitare l’Expo e, come Domenico, è misteriosamente caduto dalla finestra dell’hotel in cui alloggiava. Il suo corpo è stato trovato intorno alle 5 del mattino da una guardia giurata in servizio, purtroppo l’arrivo dei soccorsi è stato inutile poiché il ragazzo era già deceduto.

Cosa è successo al giovane studente? Secondo le primissime ipotesi degli investigatori, il 17enne avrebbe fumato uno spinello in compagnia di alcuni compagni. Forse si è sentito male, si è sporto eccessivamente dalla finestra per una boccata d’aria o per vomitare, e sfortunatamente è precipitato nel vuoto.

La verità potrebbe essere ancora lontana, le indagini vanno avanti, ma per accertare le cause del decesso di Elia Barbetti bisognerà attendere gli esiti dell’autopsia.

Intanto la mamma del giovane chiede di sapere al più presto la verità su questa assurda morte: “E’ vergognoso che un ragazzino di 17 anni vada due giorni a Milano e poi non torni più nella sua casa a San Vincenzo. Se le insegnanti non sono in grado di portare una scolaresca in gita allora forse non è il caso di andare in gita, perché i ragazzi di oggi non sono i ragazzi degli anni Sessanta. Esigo chiarezza, voglio capire come è morto mio figlio. Lo pretendo da tutti, dalla scuola, dagli inquirenti. Andrò fino in fondo.”

Lascia un commento

Back to Top