HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsEligia Ardita, riesumato il corpo: scoperta choc nella bara
eligia ardita

Eligia Ardita, riesumato il corpo: scoperta choc nella bara

di

eligia arditaNelle ultime ore la salma di Eligia Ardita, l’infermiera incinta uccisa dal marito, è stata riesumata. Nella bara però non è stato trovato il maglione a collo alto che la donna indossava il giorno del decesso

Un maglione avrebbe potuto fornire ulteriori verità agli inquirenti. E’ per questo che la famiglia di Eligia Ardita ha chiesto alla Procura di Siracusa di riesumare il corpo della giovane donna uccisa. In quella bara in cui è stato conservato il corpo dell’infermiera, gli esperti non hanno trovato il maglione che quest’ultima indossava il giorno del decesso.

Perchè dargli così tanta importanza? Secondo la famiglia Ardita, su quel capo d’abbigliamento potevano probabilmente esserci tracce di un eventuale complice di Christian Leonardi, marito e assassino di Eligia.

“Oggi il corpo di mia figlia ha parlato – ha dichiarato il signor Agatino, padre della vittima – Io ho un’idea di chi possa averlo prelevato (il maglione ndr) prima che la bara venisse chiusa. Quel giorno ci spostammo dalla cappella della chiesa per mangiare un boccone, e lì rimase Christian, da solo, con le chiavi della chiesa in mano, quindi …” .

Per la famiglia Ardita a portare via quel maglione, per evitare di far luce sui suoi possibili complici, sarebbe stato proprio Leonardi: “Gli inquirenti hanno fatto rilievi sul corpo di mia figlia, il tempo di analizzarli e son certo che ne vedremo delle belle”, ha infine dichiarato Agatino.

Christian Leonardi ha confessato di aver ucciso la moglie soltanto dopo mesi dall’omicidio. A mettere in dubbio una morte naturale, era stata l’autopsia eseguita sul cadavere di Eligia Ardita, che aveva rivelato alcune lesioni alla testa. Dopo un sopralluogo nella casa della coppia, i Ris di Messina hanno scoperto verità inquietanti. E’ proprio quella casa, per il volere della sorella dell’infermiera, diventerà ben presto un centro per tutte le donne vittime di violenze.

Lascia un commento

Back to Top