HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsElisa Sclerandi rivuole suo figlio: da 7 mesi vive in comunità

Elisa Sclerandi rivuole suo figlio: da 7 mesi vive in comunità

di

Una giovane mamma da 7 lunghi mesi può incontrare suo figlio una volta alla settimana per un’ora, e solo una volta al mese può portare il suo fratellino

elisa-sclerandiElisa ce la sta mettendo tutta, ma a volte sembra che tutti i suoi sforzi siano vani, ed ha  chiesto aiuto a Chi l’Ha Visto per ottenere la solidarietà di tutte quelle mamme che si trovano nella medesima condizione. Il bambino le dice che non vuole restare in comunità.

Il bambino le dice che lei lo ha abbandonato.  Ma così non è: nella sentenza di allontanamento si dice che i conflitti tra i due ex coniugi sono molto forti, e che la madre non ha capito le reali esigenze del piccolo. Non si parla di percosse, umiliazioni o angherie, e non si dice nemmeno che Elisa è una cattiva madre.

Eppure, da 6 mesi Elisa e il suo bambino vivono lontani. Il problema nasce lo scorso anno, quando c’è stato un traferimento in provincia di Asti, e il servizio sociale è cambiato. Il padre del bambino ha chiesto il suo affidamento, ma nel frattempo per 7 anni è stata Elisa a seguire il piccolo, ed a collaborare con i servizi sociali.

Perfino quando il tribunale pèer i minorenni di Torino ha disposto che si affidasse il bambino ad una comunità educativa, Elisa Sclerandi ha cercato di attenuare il trauma del distacco del bambino. E questo è quello che hanno segnalato i servizi sociali al tribunale: “a tal proposito si segnala come l’atteggiamento collaborativo della signora Sclerandi sia stato fondamentale nell’accompagnamento del minore in comunità…”

Elisa non ha vita facile, e in più occasioni ha fatto capire di avere bisogno di un’assistenza da parte delle istituzioni. A questo proposito, le telecamere di Chi l’ha Visto hanno incontrato due dirigenti del Centro per l’Affido del comune di Torino, i quali hanno dichiarato che esiste un programma riabilitativo proprio per queste specifiche esigenze.

Perchè, allora, nel frattempo che il bambino è in comunità non si provvede a dare le condizioni affinchè possa tornare in famiglia?

Elisa e il suo ex compagno, ovvero il padre del bambino, hanno avuto sempre rapporti molto conflittuali, e questo ha portato la donna ad avere 40 denunce a suo carico. Denunce, queste, che sembrano un po’ troppe e risultano quasi anomale.

Elisa, dal canto suo, ha ammesso di aver perso in alcune occasioni le staffe, ma di non aver mai smesso di voler bene al suo piccolo.

Da un po’ di tempo la situazione si è stabilizzata, ma il bambino continua a restare in comunità.

(Fonte Chi l’Ha Visto?)

Lascia un commento

Back to Top