HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsEmmanuel Chidi Namdi, migrante nigeriano ucciso a Fermo: arrestato il responsabile
emmanuel chidi

Emmanuel Chidi Namdi, migrante nigeriano ucciso a Fermo: arrestato il responsabile

di

Emmanuel Chidi Namdi, stava passeggiando con la sua fidanzata. Era arrivato nel nostro paese lo scorso anno. Ad un certo punto si sono imbattuti in un uomo che ha iniziato a coprire di insulti la ragazza, intervenuto per difenderla è stato colpito ripetutamente con calci e pugni. È morto ieri in ospedale.

emmanuel chidiEmmanuel Chidi Namdi era arrivato dalla Nigeria lo scorso anno insieme alla sua compagna. Ha dovuto seguire le rotte dei migranti in Sicilia dopo che gli uomini di Boko Haram avevano ucciso la figlia di soli due anni e avevano devastato il villaggio in cui viveva. Purtroppo il destino si è accanito contro di lui. L’uomo è morto ieri in seguito al pestaggio avvenuto martedì in pieno centro a Fermo, dove si era stabilito con la fidanzata. Le condizioni del 36enne erano apparse subito disperate e i medici non hanno potuto fare nulla per salvarlo.

Questa storia ha suscitato l’indignazione generale perché Emmanuel Chidi Namdi è intervenuto per difendere la donna che amava da un gruppetto di ultras della Fermana seduti sulla panchina. Secondo alcuni testimoni pare che l’abbiano insultata con parole pesanti, oltre ad essere strattonata con forza. Emmanuel Chidi Namdi ha preso un paletto, forse per spaventare il gruppetto, ma forse è stato utilizzato dagli aggressori che hanno colpito senza pietà. Il presidente della comunità africana di cui era ospite il nigeriano insieme alla sua compagna, conosce molto bene l’uomo che è stato fermato, un 40enne del posto che non è nuovo alle risse e chiama tutti gli africani “scimmie”, il suo nome è Amedeo Mancini, vicino agli ambienti di estrema destra.

Mancini in passato è stato raggiunto da diversi avvisi per le violenze sugli spalti ed era indagato a piede libero. Intanto nella prefettura di Fermo si sono riuniti gli esponenti politici per discutere della sicurezza pubblica della città. Nell’ultimo periodo infatti si sono moltiplicati i casi di razzismo e di intolleranza. Intanto la compagna di Emmanuel Chidi Namdi è ancora sotto choc ed è seguita dai medici. Purtroppo la donna è sola e ci sono solo le suore a farle compagnia.

Lascia un commento

Back to Top