HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsEmpoli, 20enne cinese con la scusa di un lavoro violentava ragazze
20enne cinese

Empoli, 20enne cinese con la scusa di un lavoro violentava ragazze

di

Fermato un 20enne cinese: metteva annunci fingendosi donna per cercare bariste ma in realtà poi si appartava con loro per violentarle. Lo ha fregato un tatuaggio

20enne cineseCon la scusa di un’offerta di lavoro agganciava giovani connazionali su internet e poi le violentava. Per questo è stato fermato dai carabinieri di Empoli in 20enne cinese che è accusato di essere l’autore di almeno due violenze sessuali tra agosto e settembre.

Il trucco era semplice: attraverso un programma di messaggistica su internet il ragazzo fingeva di essere una donna che offriva un posto di lavoro come barista proprio ad Empoli. Quanto qualcuna rispondeva dicendosi interessata, lui dava appuntamento alla stazione della città toscana dicendo che sarebbe andato a prenderle il fratello in modo che non si spaventassero vedendo arrivare un uomo al posto suo.

In realtà però dopo averle caricate in macchina, l’uomo le conduceva in zone appartate ai margini della città e sotto la minaccia di guai peggiori per loro le costringeva e subire atti sessuali. Così sono cadute nella sua rete una 25enne e una 24enne, entrambe cinesi. All’identificazione, resa possibile dal fatto che entrambe lo hanno denunciato, si è arrivati grazie ad un tatuaggio che il giovane ha sul collo, a forma di cuore.

Ora che è stato bloccato, risulta in stato di fermo ed è detenuto al carcere fiorentino di Sollicciano in attesa che il Gip convalidi o meno il provvedimento.

Lascia un commento

Back to Top