HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiMisteri ItalianiNewsErgastolo per l’ex primario Pier Paolo Brega Massone
Brega Massone

Ergastolo per l’ex primario Pier Paolo Brega Massone

di

Per i pm di Milano Brega Massone e Fabio Presicci devono essere condannati all’ergastolo per omicidio volontario.

Ergastolo e due anni e 6 mesi di isolamento diurno.

Questa è la richiesta presentata dal pm di Milano Grazia Pradella e Tiziana Siciliano per Pier Paolo Brega Massone, l’ex primario di chirurgia toracica della casa di cura Santa Rita di Milano, finita nel 2008 al centro di uno vero e proprio scandalo su interventi chirurgici inutili eseguiti con l’unico scopo di ottenere rimborsi dal sistema sanitario nazionale, ora è tornato in libertà. Brega Massone

L’uomo è sotto processo con la pesantissima accusa di omicidio volontario in relazione alla morte di quattro pazienti, quattro persone di età compresa tra i 65 e gli 89 anni, venuta a mancare in seguito agli interventi non necessari a cui sono stati sottoposti.

Secondo i pm di Milano:”Brega ha dimostrato una indole malvagia e la sua coscienza non è la nostra di comuni cittadini e nemmeno quella di un medico.”

L’uomo, l’hanno precisato oggi i pm in aula, ha:” Ricavato soldi dalle mutilazioni seguendo una raggelante equazione tra pezzi anatomici del paziente, seno o polmoni, e rimborsi. ”

Durante la requisitoria, che è durata circa 7 ore, i pm sono riusciti a ricostruire tutti i punti salienti della vicenda e fatto la loro richiesta: ergastolo e due anni e 6 mesi di isolamento diurno per Brega Massone e condanna per  ergastolo per Fabio Presicci, il chirurgo braccio destro dell’ex primario.

Chiesti 18 anni di carcere per il chirurgo toracico Marco Pansera al quale secondo i pm dovrebbero tuttavia essere concesse le attenuanti generiche per il suo comportamento processuale e per la sua minore esperienza.

I magistrati hanno chiesto una condanna a 2 anni di carcere per gli anestesisti Giuseppe Sergio Di Terlizzi e Gianandrea Bona e per l’ex responsabile del reparto di riabilitazione Renato Scarponi, mentre la richiesta di pena per l’infermiera Enza La Corte è di un anno e due mesi.

Attendiamo news in merito.

 

 

Lascia un commento

Back to Top