HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsFabiana Luzzi, 16enne arsa viva: ex fidanzatino condannato a 18 anni

Fabiana Luzzi, 16enne arsa viva: ex fidanzatino condannato a 18 anni

di

fabiana luzziDavide Morrone uccise nel 2013 la sua ex fidanzatina, Fabiana Luzzi, di appena 16 anni. Per lui è arrivata dalla Corte di Cassazione la conferma per la sua condanna di 18 anni di reclusione

Fabiana Luzzi fu arsa viva da Davide Morrone, reo confesso che all’epoca dei fatti era ancora minorenne. Sono trascorsi ormai tre anni da quell’orribile omicidio e solo nelle ultime ore la Cassazione ha confermato la condanna di 18 anni al ragazzo omicida, rigettando la richiesta dell’aggravante della premeditazione.

Fabiana Luzzi venne condotta da Davide Morrone in una trappola fatale. Dopo averla aspettata all’uscita di scuola, quest’ultimo la condusse in un luogo isolato, dove ebbe inizio una violenta discussione tra i due, terminata nel peggiore dei modi. Il giovane colpì la sua ex fidanzatina con un coltello e, dopo averla lasciata agonizzante, si allontanò per procurarsi del liquido infiammabile. Una volta tornato sul luogo dell’aggressione, appiccò il fuoco sul corpo di Fabiana, che venne arsa viva, morendo tra atroci sofferenze.

In un primo momento, ricorda Tgcom24, il tribunale dei minorenni di Catanzaro condannò il giovane a 22 anni di reclusione, ma la sua condanna è stata poi ridotta a 18 anni, uno sconto di pena che la famiglia di Fabana Luzzi non ha mai accettato.

“E’ impossibile – ha dichiarato la mamma della vittima – pensare che lui non avesse premeditato l’omicidio perché quella mattina uscì da casa con il coltello già in tasca. Avrebbero potuto confermare i 22 anni del primo grado. Come si fa poi a parlare di seminfermità mentale, che gli è stata nuovamente riconosciuta dalla Cassazione, quando io quel giorno gli ho parlato al telefono, dopo che aveva accoltellato Fabiana ma non l’aveva ancora bruciata, ed ha risposto a tutte le mie domande in modo freddo e lucido. Per me è impensabile che per la vita di mia figlia abbia deciso lui ed i giudici invece abbiano deciso per lui”.

Lascia un commento

Back to Top