HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiFarmacista uccisa a Blufi

Farmacista uccisa a Blufi

di

La farmacista 79enne Giueppina Iacona, è stata ammazzata durante una rapina nella sua farmacia di corso Italia a Blufi, a causa di una coltellata alla gola. I due autori dell’omicidio sono stati arrestati

I carabinieri dopo aver arrestato i due assassini, hanno rinvenuto e sequestrato a casa di uno dei due, Angelo Porcello di 50 anni,  3.720 euro in contanti fruttati dalla rapina e gli abiti sporchi di sangue indossati durante il colpo.

Angelo Porcello, già noto ai carabinieri tanto che era già agli arresti domiciliari, avrebbe sferrato il colpo mortale alla farmacista, uccidendola. L’uomo è stato portato in caserma con il suo complice, il 18enne Gandolfo Giampapa,che era inoltre fidanzato con la nipote della vittima.

Secondo le prime ricostruzioni, il delitto sarebbe avvenuto intorno alle 18,00. Giampapa avrebbe fatto da palo a Porcello che nel frattempo derubava la farmacia ammazzando successivamente la farmacista per poi darsi alla fuga.

farmacistaLa farmacista era conosciuta da tutti come una persona sempre disponibile e cortese.

Il presidente di Foderfarma Palermo, Roberto Tobia ha infatti dichiarato: “Giuseppina Iacona era un esempio di dedizione al lavoro e di serietà professionale: una vita dietro il banco le aveva conquistato la simpatia e l’affetto di tutti. Ha rappresentato quegli avamposti di frontiera che sono le farmacie rurali, che scelgono di essere sempre disponibili h 24, aperte anche sabato e domenica senza chiudere mai, perché spesso solo l’unico presidio di assistenza pubblica in piccoli territori talvolta abbandonati a se stessi. Per questo la nostra categoria subisce ancora di più quanto è accaduto oggi: se in una grande città come Palermo ci siamo rassegnati ad essere il bancomat della criminalità subendo quotidianamente rapine, aggressioni e vandalismi, in provincia questa è una novità gravissima da non sottovalutare. Una violenza inaudita e senza motivo, probabilmente frutto dei continui attacchi mediatici che in questo periodo puntano a mettere in cattiva luce la figura del farmacista e della farmacia”.

Lascia un commento

Back to Top