HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsFausto Bottura, ucciso e gettato nel Po da un branco di ragazzi

Fausto Bottura, ucciso e gettato nel Po da un branco di ragazzi

di

Fausto BotturaFausto Bottura, 48enne disoccupato, è stato ucciso da tre ragazzi che avevano trasformato la sua abitazione in un luogo di ritrovo

Fausto Bottura è stato ammazzato brutalmente e senza pietà probabilmente a colpi di mazza da baseball. Il motivo? Perchè secondo i tre assassini l’uomo “rompeva”. La vittima è stata trovata senza vita chiusa in due sacchi di plastica abbandonati e incastrati nelle sterpaglie del fiume Po.

I tre assassini, che hanno trai 18 e i 19 anni, che hanno tolto la vita a Fausto Bottura sono stati definiti dal procuratore capo di Mantova, Antonino Condorelli, “dei ragazzi vuoti dentro”. Condorelli avrebbe poi continuato a dire: “I tre ragazzi quando ho chiesto loro perché l’hanno ucciso, hanno riferito semplicemente ‘perché ci rompeva le palle’. Le indagini vanno avanti ma siamo riusciti a ricostruire la vicenda, anche se ancora mancano alcuni tasselli e stiamo sentendo altri testimoni, altri amici. Ma su tutta la vicenda c’è molta omertà”.

Tra gli assassini c’è anche Massimo Bottura, 19enne nipote di Fausto Bottura. I ragazzi anche la sera dell’omicidio si erano incontrati a casa della vittima dove hanno guardato la tv, giocato alla playstation e organizzato uscite notturne presso dei vicini locali.

Fausto Bottura ormai insofferente di trovarsi per casa persone sconosciute avrebbe iniziato a discutere con i ragazzi che hanno poi deciso di sopprimerlo. Prima lo avrebbero stordito a colpi di mazza da baseball, poi sarebbero tornati a casa per poi ritornare dalla vittima per ucciderla definitivamente. Ormai cadavere, i giovani avrebbero chiuso il 48enne in due sacchi di plastica e caricato a bordo dell’auto di Massimo Bottura per poi liberarsi del corpo gettandolo nel fiume.

I ragazzi sono ora accusati di omicidio volontario, di occultamento di cadavere con l’aggravante della premeditazione e della crudeltà. E’ da capire se la sorella della vittima abbia potuto sentire qualcosa poichè la villa in cui è avvenuto l’omicidio è grande e su due livelli.

Lascia un commento

Back to Top