HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiFederica Squarise, uccisa in Spagna mentre era in ferie: l’assassino ‘el gordo’ tradito dagli amici

Federica Squarise, uccisa in Spagna mentre era in ferie: l’assassino ‘el gordo’ tradito dagli amici

di

Federica Squarise era una ragazza di soli 23 anni. Aveva deciso di trascorrere le ferie in Costa Brava con la sua amica Stefania. Mare sole e tanto divertimento. Una sera però le due amiche si dividono perché Federica vuole fare una passeggiata in spaggia con un amico. Era il primo luglio del 2008.

federica squariseIl 27 giugno del 2008 Federica Squarise parte con la sua amica Stefania Perin alla volta della Spagna. La loro meta è Lloret De Mar una nota località turistica sulla Costa Brava. Federica è una brava ragazza e nonostante la giovane età i genitori sono molto tranquilli. La vacanza procede bene sino a quando il 30 giugno le due amiche entrano in un locale. Il barista inizia a fare gli occhi dolci a Federica Squarise e una ragazza che lavora nel bar fa da interprete. Lui è Victor Diaz Silva, chiamato anche “El Gordo” (il ciccione) perché pesa 120 chili. Si scambiano qualche sguardo ma finisce tutto lì perché Federica e Stefania vanno a ballare con altri ragazzi. Qualche ora dopo, Victor si aggiunge al gruppo.

Uscite dalla discoteca le amiche si dividono e si danno appuntamento in hotel. La 23enne va a fare una passeggiata con un nuovo amico. Si tratta proprio di El Gordo. Mentre camminano lui la afferra e la trascina in un vicolo buio nell’indifferenza generale dei turisti che affollano ancora le strade. Federica Squarise si oppone e si dimena, ma non può fare nulla contro quell’uomo grande e grosso. A quel punto l’aggressore perde la testa e inizia a darle dei pungi per stordirla. Dopo la violenza prende uno straccio e glielo mette in bocca. Per Federica non c’è più nulla da fare, muore soffocata. Victor deve disfarsi del corpo, quindi lo carica nella sua auto e lo lascia nel bagagliaio per un paio di giorni, poi lo getta via.

L’amica di Federica Squarise, intanto ha dato l’allarme e sono parite le sue ricerche. Gli investigatori sono convinti che si sia allontanata di sua spontanea volontà per iniziare una nuova vita, ma la ragazza aveva un ottimo lavoro. Perché farlo? I media si concentrano sui presunti eccessi dell’ultima serata di Federica, tanto che Stefania deve smentire tutto. La polizia si concentra su quel barista, El Gordo, in molti li hanno visti andare via insieme. Durante l’interrogatorio fornisce un racconto piuttosto contraddittorio, anche le telecamere hanno immortalato la loro uscita dalla discoteca e si procede con il test del Dna anche se il corpo della 23enne non è ancora stato trovato. Il 6 luglio del 2008 viene trovato il cadavere nudo di una donna nel parco di Can Zaragoza. Purtroppo è in stato di decomposizione a causa del caldo. Vi sono pochi dubbi sul fatto che sia Federica, i fratelli giunti a Lloret infatti riconoscono il tatuaggio sulla gamba e dietro l’orecchio e il brillantino sui denti.

Dopo questa notizia El Gordo sparisce nel nulla e si apre un’imbarazzante crisi diplomatica tra Italia e Spagna per il pressapochismo con cui sono state condotte le indagini. La polizia catalana continua a lavorare sul caso e seguendo le telefonate fatte dal cellulare di Victor Diaz Silva, viene localizzato a Terragona. L’uomo aveva chiesto aiuto ad alcuni amici a cui aveva raccontato di aver ucciso un uomo in una rissa. Sui giornali però si parla solo del caso di Federica Squarise e così decidono di chiamare la polizia. El Gordo si era anche rasato i capelli e le sopracciglia per non essere riconosciuto e aveva coperto i graffi sulle braccia e sulle gambe con abiti lunghi.

Dopo l’arresto conferma l’omicidio avvenuto perché era in uno stato di alterazione mentale dovuto all’alcol, ma nega la violenza. L’autopsia però lo mette davanti alla verità e solo a quel punto confessa tutto. El Gordo è stato condannato a 17 anni e 9 mesi, meno dei 30 anni previsti per i reati di omicidio e abuso sessuale, perché ha collaborato con i magistrati. La sentenza è stata confermata in appello nonostante i genitori di Federica Squarise si siano opposti.

Lascia un commento

Back to Top