HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsFemminicidio Sara Di Pietrantonio, lo sfogo della fidanzata di Luca Varani: “è la vittima del momento”

Femminicidio Sara Di Pietrantonio, lo sfogo della fidanzata di Luca Varani: “è la vittima del momento”

di

Marta Sebastiani, la ragazza di Luca Varani, ha commentato la vicenda del femminicidio di Sara Di Pietrantonio. In un lungo post sul suo profilo Facebook ha puntato il dito contro l’indifferenza della gente. La giovane ha scritto che ben presto tutti si dimenticheranno di lei, proprio come è successo al fidanzato.

sara di pietrantonioPer il popolo dei social, Marta Sebastiani non perde occasione di cavalcare l’onda del momento in quanto affida alla rete i suoi pensieri. Eppure tra le righe del suo ultimo sfogo la rabbia attraversa lo schermo e colpisce il popolo degli indifferenti. Sara Di Pietrantonio è “la vittima del momento”, come scrive Marta, ma presto verrà dimenticata, come Luca il suo fidanzato. Varani, come ricordate è stato massacrato da Manuel Foffo e Marco Prato, al culmine di un festino a base di alcol e sostanze stupefacenti al Collatino. Dopo il clamore iniziale, nessuno ne ha più parlato, però il dolore di Marta è ancora vivo.

Sara Di Pietrantonio aveva solo 22 anni, la stessa età di Luca Varani. I due casi non hanno alcuna analogia, se non dal punto di vista dell’impatto social della vicenda. Sara infatti è stata uccisa dal suo fidanzato, reo confesso. Da qualche giorno la loro storia d’amore era finita e Vincenzo non si rassegnava. Su Facebook ci sono ancora le loro foto insieme e la madre di Sara Di Pietrantonio ha raccontato che era il figlio maschio che tutte sognano di avere, mai avrebbe immaginato che Capuano le avrebbe strappato via la sua unica ragione di vita. Marta Sebastiani si sente vicina al dolore della famiglia, perché conosce benissimo quella sensazione di avere a che fare con persone estranee che si arrogano il diritto di esternare pensieri “cattivi” senza sapere nulla.

Per Marta siamo un po’ tutti come gli automobilisti che hanno percorso la Via della Magliana e non si sono fermati. Sara Di Pietrantonio gridava “aiuto”. Anche i vicini hanno fatto finta di nulla. Eppure tutti piangono questa giovane di 22 anni. Intanto si attendono gli esiti dell’autopsia per ricostruire la dinamica esatta dell’aggressione e capire se Sara Di Pietrantonio, prima di essere bruciata viva, è stata colpita violentemente oppure strangolata.

Lascia un commento

Back to Top