HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsFiladelfio Pappalardo, si inietta della morfina perchè paraplegico e spara al rivale d’amore

Filadelfio Pappalardo, si inietta della morfina perchè paraplegico e spara al rivale d’amore

di

Filadelfio PappalardoFiladelfio Pappalardo, 43enne costretto ormai da anni a stare seduto su una sedia a rotelle, ha tentato di uccidere un uomo sparandolo perchè ritenuto il suo rivale in amore. La vicenda è avvenuta a Catania

Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita dagli esperti, Filadelfio Pappalardo si è iniettato una consistente quantità di morfina per riuscire ad alzarsi dalla sua sedia a rotelle, attraversare la strada a piedi e sparare al suo rivale in amore gambizzandolo.

Il tutto è avvenuto il 15 gennaio scorso e vittima dell’agguato, rimasta ferita ad un braccio e agli arti inferiori, è il 53enne Francesco Pistone, vicino di casa di Filadelfio Pappalardo.

La Procura di Catania ha emesso il provvedimento di fermo per il 43enne che era già costretto agli arresti domiciliari per detenzioni di armi, associazione mafiosa e perchè ritenuto elemento del clan Laudani.

L’uomo una volta fermato dagli agenti, non ha potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità e consegnare la pistola che aveva utilizzato per sparare alla vittima, ovvero una calibro 7,65. In un primo momento le indagini erano state orientato sulla pista della criminalità organizzata fino a quando Filadelfio Pappalardo non ha confessato che il movente di tale gesto è strettamente legato a ragioni di carattere personale legate alla sua relazione con una donna.

Ad incastrare l’uomo sono state le immagini di una telecamera di sicurezza che lo hanno immortalato durante il tentato omicidio e non solo. Il 43enne infatti, aveva salvato sul suo telefonino una foto che si era scattato proprio il 15 gennaio in cui era vestito con un giubbotto sportivo di colore azzurro chiaro che è stato giudicato compatibile con quello che appare nelle immagini.

Nella casa di Filadelfio Pappalardo durante una perquisizione non sono state rinvenute armi ma degli indumenti gettati in due buste di plastica imbevuti di alcool.

Lascia un commento

Back to Top