HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiUltimissimeFrancesca Benetti scomparsa: fermato il custode di casa

Francesca Benetti scomparsa: fermato il custode di casa

di

Svolta nelle indagini per la scomparsa di Francesca Benetti. Arrestato il custode di casa con l’accusa di omicidio

Un uomo di 69 anni che di professione fa l’agricoltore è stato arrestato la scorsa notte con l’accusa di omicidio in merito alla vicenda della scomparsa di Francesca Benetti, 55 enne di Potassa di Gavorrano di cui non si hanno più notizie da lunedì scorso.

Secondo i carabinieri che stanno indagando sul caso, Antonino Biella che è il custode della casa di campagna di Francesca Benetti , avrebbe ucciso la donna per poi occultarne il cadavere.

Dopo un lungo interrogatorio dove però non sembra che l’uomo abbia confessato, è stato dihciarato in stato di fermo e per lui si sono aperte le porte del carcere.

A denunciare la scomparsa di Francesca Benetti lunedì scorso era stato il suo compagno dopo il ritrovamento dell’auto della donna all’esterno della stazione ferroviaria di Follonica con le portiere aperte. Preoccupato per la fine della sua donna si è rivolto immediatamente ai carabinieri che dopo il fermo dell’uomo di 69 anni hanno resto pubblico una note in cui si spiega:

francesca benetti“La donna il giorno della scomparsa era stata nella sua casa di campagna in località Potassa di Gavorrano, circondata da un da un terreno molto esteso, pari a circa 40 acri ove vive stabilmente il custode Antonino Bilella.”

Secondo quanto riporta un indiscrezione di un quotidiano nazionale le ipotesi di reato a carico dell’agricoltore 69enne sono omicidio e occultamento/distruzione di cadavere.

Il fermo è avvenuto dopo alcuni rilievi e accertamenti fatti dai carabinieri nella casa di campagna della scomparsa mentre altri colleghi proseguivano con le ricerche nelle zone circostanti, con l’aiuto di unità cinofile.

La paura è che la donna possa esser stata uccisa e il corpo sotterrato nella campagna circostante la casa. I motivi del gesto però sono ancora ignoti agli inquirenti.

Lascia un commento

Back to Top