HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseFrancesca Moretti: spunta una chiave misteriosa
francesca-moretti

Francesca Moretti: spunta una chiave misteriosa

di

In una storia piena di ombre, la verità spesso si nasconde nel lato oscuro delle cose. Roma, sono da poco passate le 17 del pomeriggio: Francesca è viola in volto. Ha le convulsioni, respira male, e parla con difficoltà. Le due amiche, Daniela Stuto e Mirela Nistor che con lei dividono l’appartamento, sono sconvolte e spaventate. La situazione è gravissima.

francesca-morettiL’ambulanza, quel pomeriggio del 22 febbraio del 2000 corre veloce verso l’ospedale di San Giovanni. Dopo qualche minuti arriva al Pronto Soccorso: alle 19 Francesca ha un primo arresto cardiaco. Mezz’ora dopo muore. Nell’immediato si pensa ad un’intossicazione dovuta ad un insieme di sostanze non ben precisate.

Solo nel mese di luglio si scopre che Francesca è stata avvelenata con del cianuro, ma sono passati ben 5 mesi dalla sua morte e tante prove sono andate perse. Gli inquirenti ipotizzano che sia stato sciolto nella minestra che la giovane Daniela aveva preparato all’amica. Non solo, scoprono che la ragazza poteva procurarsi il cianuro in Sicilia a Lentini, dove viene comunemente utilizzato come antiparassitario per gli agrumi.

Daniela viene assolta: una dose così forte di veleno ha effetti immediati, e Francesca non manifesta da subito quei sintomi. E quando li manifesta Daniela non è nemmeno in casa. Francesca si sente male alle 16.50: cosa ha mangiato? Ma soprattutto chi l’ha avvelenata? In quel momento, in casa, c’è solo l’amica Mirela.

Un mese prima della morte di Francesca, Mirela aveva subito il furto delle chiavi di casa:la sua borsa era sparita, ma la ragazza decise di non fare denuncia: in fondo, al suo interno non c’era nulla di particolare. Anche la serratura di casa non venne mai cambiata. Ma se il furto fu commissionato? Francesca muore in un periodo molto particolare: stava insieme da due anni con Graziano,un uomo rom, già sposato e padre di 5 figli. Per lui la ragazza vuole cambiare vita e anche città.

La moglie di Graziano scopre il tradimento: Fatima è anche riuscita a farsi dare il numero di telefono da una collega di lavoro di Francesca, e la minaccia più volte. Graziano, venuto a conoscenza delle minacce, vuole intervenire picchiandola. Questo suo aspetto non piace alla giovane, a si sa che l’amore è cieco.

Ecco però un dettaglio inquietante: due giorni prima della sua morte, Francesca e Graziano erano a casa della giovane. Durante la loro intimità entrambi avevano visto l’ombra nera di una donna passare. La domanda, quindi, nasce spontanea: c’è un legame che unisce il furto della borsa di Mirela a quella figura?

Ciò che è certo, dopo così tanto tempo, è che la morte di Francesca è ancora avvolta nel mistero. Un mistero racchiuso in soli 15 minuti, ovvero il tempo in cui la giovane (il giorno della sua morte) è stata da sola.

(Fonte Chi l’ha Visto)

Lascia un commento

Back to Top