HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti StradaliNewsGabriella Serangeli, investita da un camion perchè bassa: familiari risarciti la metà

Gabriella Serangeli, investita da un camion perchè bassa: familiari risarciti la metà

di

Gabriella Serangeli, 65 anni, è stata investita da un camion che una volta uscito da un parcheggio non si sarebbe fermato allo stop. La vittima, alta 1 metro e 50 centimetri, è stata ritenuta troppo bassa ed è per questo che il risarcimento per i suoi familiari potrebbe essere dimezzato

Gabriella SerangeliL’incidente mortale è avvenuto il 15 marzo dello scorso anno quando Gabriella Serangeli, intenta a camminare sul marciapiede, è stata investita da un camionista il quale non si sarebbe accorto della donna. E’ bastato un attimo che, dopo aver accelerato, il colpevole della morte della 65enne ha sentito solo urla di disperazione. Il camion si è immediatamente fermato ma ormai era troppo tardi per evitare la disgrazia.

La tragedia, avvenuta in un parcheggio di un supermercato a Cesano, sembrerebbe essere stata causata dal camionista il quale non avrebbe rispettato il codice della strada. Quest’ultimo infatti avrebbe dovuto rispettare lo stop e l’obbligo di girare a destra, direzione dalla quale proveniva Gabriella Serangeli, ma una volta accelerato avrebbe invece svoltato a sinistra: “Nulla si può contestare al pedone perché camminava correttamente sul marciapiede – ha dichiarato il consulente del pubblico ministero Clara De Cecilia – e poiché lo faceva da diversi minuti, com’è normale, pensava di essere veduta”.

Per il perito dell’Axa, l’assicurazione del camion, a complicare il tutto sembrerebbe essere stata la statura troppo piccola di Gabriella Serangeli che potrebbe diventare anche il motivo del risarcimento dimezzato: “Causa del sinistro è l’imprudenza della signora che si poneva davanti all’autocarro in posizione in cui era impossibile vederla in quanto più bassa del veicolo”.

Ad opporsi a queste dichiarazioni è stata la Procura secondo la quale la donna “come pedone aveva il diritto di precedenza poiché camminava sul marciapiede”. E’ proprio per questo motivo che è stato richiesto il rinvio a giudizio del camionista che potrebbe essere accusato di omicidio colposo.

Lascia un commento

Back to Top