HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaGenitori uccisi da fidanzatini: la figlia delle vittime condannata a 18 anni

Genitori uccisi da fidanzatini: la figlia delle vittime condannata a 18 anni

di

giacconi“Socialmente pericolosa”, è stata definita così la figlia di Fabio Giacconi e Roberta Pierini, papà e mamma, uccisi dal fidanzatino della giovane. In queste ultime ore è arrivata la condanna per la 17enne, la quale dovrà scontare 18 anni di carcere

E’ responsabile anche lei della morte dei suoi genitori. La figlia di Fabio Giacconi e Roberta Pierini è stata accusata di concorso con l’ex fidanzato e condannata a 18 anni, seguiti da libertà vigilata. Lei, secondo gli esperti, non è stata una vittima del fidanzato, ma sua complice: “E’ stata lei ad istigare Antonio Tagliata ad impugnare l’arma”.

La 17enne avrebbe dunque avuto un ruolo fondamentale in questo triste caso: “L’ottica della procura – spiega il capo della Procura minorile – è stata quella di evidenziare da tutti i dati processuali a disposizione un pieno dolo intenzionale a capo della ragazzina in concorso con Antonio Tagliata nel duplice omicidio. La strutturazione degli elementi di responsabilità, seppure arricchita, è rimasta quella iniziale: non è mai stata contestata la premeditazione perché il proposito di uccidere si determina nell’atrio del palazzo di via Crivelli. Lì si realizza una piena intesa in relazione all’idea di utilizzare l’arma che la ragazzina aveva visto“.

I due fidanzatini avrebbero voluto avere un confronto con i genitori di lei, che osteggiavano la loro storia d’amore, eppure entrambi sapevano che quella pistola sarebbe potuta diventare pericolosa.

Dopo il duplice omicidio, la 17enne non ha chiesto aiuto e non ha tentato di soccorrere i genitori; anzi, è fuggita insieme a colui che aveva sparato contro le persone più importanti della sua vita. La ragazza non mai ha cercato di fermare il fidanzatino ed ogni azione è stata commessa da entrambi “in simbiosi e in piena sintonia, volutamente dirette alla morte”.

Per quanto riguarda invece il killer, Antonio Tagliata, non è escluso che la sua condanna possa essere a vita.

Da: Corriereadriatico.it

Lascia un commento

Back to Top