HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGenova, trovato cadavere mummificato

Genova, trovato cadavere mummificato

di

A Genova è stato ritrovato un cadavere mummificato all’interno della galleria ferroviaria di Murta, precisamente tra la zona di Bolzaneto e Rivarolo. Per il momento si tratta di un complicato giallo da risolvere

A dare l’allarme del cadavere alla Polfer  sono stati degli uomini del personale delle Ferrovie addetto alle manutenzioni, che lavorando proprio in quel preciso tratto di percorso della galleria della linea Genova – Milano ha rinvenuto il corpo.

Al cadavere, la cui morte potrebbe risalire ad almeno sei mesi fa, mancano alcuni parti e in base al primo rilievo si tratterebbe di un uomo di nazionalità italiana, forse un ladro che per fuggire è stato investito da un treno di passaggio. Vicino al cadavere infatti, sono state ritrovate due grosse borse con all’interno dei cavi in fibra ottica, rimossi probabilmente nelle galleria.

Nel frattempo le indagini proseguono per fare in modo che questo giallo venga risolto. Bisogna capire cosa o chi abbia causato il decesso dell’uomo e soprattutto dare un’identità al cadavere.

genovaSubito dopo aver diffuso la notizia del ritrovamento, una persona si è rivolta agli inquirenti per chiedere ulteriori notizie riguardo la salma per poter escludere l’ipotesi che possa trattarsi di un parente del quale improvvisamente non ha avuto più nessun genere di notizia.

Al momento la Procura di Genova ha aperto un fascicolo e la salma è stata traferita presso l’istituto di Medicina legale all’ospedale San Martino di Genova dove verranno eseguiti gli esami autopici e dove saranno effettuati dei prelievi per risalire al dna del cadavere mummificato.

Verrà tentato anche l’esame delle impronte digitali per poter identificare il cadavere, ma le condizioni in cui è stato rinvenuto rendono il tutto molto difficile. Intanto si aspettano novità sul caso che per adesso resta solo una macabra scoperta ricca di mistero, dubbi e di pochi reperti.

Lascia un commento

Back to Top