HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGiallo Daniela Sanjuan: altre cinque persone scomparse nella stessa zona. Coincidenza?

Giallo Daniela Sanjuan: altre cinque persone scomparse nella stessa zona. Coincidenza?

di

Dopo 13 anni i resti di Daniela Sanjuan sono stati ritrovati accendendo i riflettori su altre scomparse avvenute nella stessa zona. La madre e la sorella chiedono giustizia.

daniela-sanjuanDaniela Sanjuan è scomparsa il 23 ottobre del 2003. La 14enne aveva problemi psichiatrici, ed era ospite della comunità “Piccolo Carro”, situata sui monti a Bettona, in provincia di Perugia. La madre ha sperato per anni che Daniela fosse ancora viva, ma quando sono stati ritrovati i suoi resti ha annunciato che intende avere giustizia. Il ritrovamento delle ossa del cranio è avvenuto nel 2013, eppure il test del DNA è stato effettuato solo a luglio di quest’anno. Il ritardo non ha fatto altro che alimentare i dubbi sulla gestione del caso, così come riporta il numero 39 del settimanale Giallo.

Il territorio in cui opera la comunità “Piccolo Carro” è stato oggetto di molti casi di cronaca nera, oltre a Daniela Sanjuan vi sono altre persone scomparse. Forse si tratta solo di una coincidenza, ma la famiglia della ragazza supportata dall’avvocato dell’associazione Penelope, intendono fare chiarezza e accertare tutte le responsabilità. Intanto sono emerse delle irregolarità nella gestione della comunità incriminata, che non aveva le autorizzazioni per accogliere minori nella struttura.

Tornando alle scomparse misteriose, il settimanale Giallo ci aiuta a ricostruire la vicenda partendo dalla storia di Sara Bosco. La 16enne è stata ospite della comunità per un ciclo di terapie per il recupero dalla tossicodipendenza. A gennaio di quest’anno è fuggita via e poi a giugno è stata trovata morta in un ospedale abbandonato. Nel 2008 invece è scomparso Davide Barbieri, il giovane era affetto da disturbi della personalità in seguito ad un terribile incidente. Anche lui aveva 14 anni, come Daniela, ma era ospitato da una comunità a “Lahuèn”, una zona di Orvieto; Fabrizio Catalano è scomparso nel 2005 la madre Caterina lo ha continuano a cercare per anni, e ha scritto a tutte le comunità della zona. Chi vuole far perdere le sue tracce per sempre sceglie un territorio mistico come questo che conta più di trecento strutture, molte delle quali non comunicano con il mondo esterno.

Un altro caso di cronaca è quello di Sonia Marra, la studentessa di origini pugliesi scomparsa nel 2006 da Elce. Da poco si è chiuso il processo contro Umberto Bindella accusato di averla uccisa e poi occultato il cadavere; Ivano Ricci era ospite della comunità “L’Airone” da dove è sparito il 13 agosto del 2009, il 29 dicembre dello stesso anno invece si sono perse le tracce di Lucia Ciocoiu, una donna rumena che da 5 anni prestava assistenza ad una donna di Perugia.

Lascia un commento

Back to Top