HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiGiallo di Marcheno, proseguono le ricerche di Mario Bozzoli, si teme il suicidio
mario bozzoli_scomparso

Giallo di Marcheno, proseguono le ricerche di Mario Bozzoli, si teme il suicidio

di

Non si hanno più notizie dell’imprenditore Mario Bozzoli dallo scorso 8 ottobre. L’uomo è sparito nel nulla anche se l’auto è parcheggiata nell’azienda di famiglia e i vestiti sono ancora nello spogliatoio. L’ultima telefonata è stata fatta alla moglie, Bozzoli le diceva che era in ritardo per la cena e che sarebbe tornato a casa subito dopo aver fatto una doccia.

mario bozzoli_scomparsoLe ricerche di Mario Bozzoli proseguiranno per altre 48 ore. La procura sta indagando per il sequestro di persona e per l’omicidio di Bozzoli, ma non si esclude nessuna pista, nemmeno quella del suicidio. Tuttavia i pochi elementi in possesso degli inquirenti lasciano intendere che Mario Bozzoli sia stato ucciso e che il suo cadavere sia stato fatto sparire. Nella fonderia potrebbe essere accaduto un episodio spiacevole, i forni sono ancora accesi e molti pensano che le loro bocche siano così grandi che possano accogliere anche un corpo. Un’ipotesi agghiacciante che non trova molti riscontri.

In queste ore tutti sono sotto messi sotto torchio, dalla famiglia ai dipendenti. Numerose sono state le perquisizioni in fabbrica. Ieri è stato ascoltato il nipote di Mario Bozzoli che vive in una appartamento all’interno dell’azienda. Tra gli altri controlli effettuati anche stazioni, aeroporti, banche, e i video delle telecamere del sistema di videosorveglianza. Nelle ricerche sono impegnati gli uomini dei vigili del fuoco e i cani molecolari che avevano fiutato alcune tracce nei pressi di un cancello posteriore, che porta ad una strada che sale verso i boschi e porta agli argini del Mella.

Mario Bozzoli era titolare insieme al fratello Adelio della fonderia Bozzoli ed è proprio lì che i Ris continuano a cercare, gli speleologi hanno controllato i cunicoli e sono stati ispezionati 200 chiusini. Presto verranno spenti anche i forni; per il momento sono state svuotate le vasche che contengono i trucioli di ferro anche se è difficile credere che Mario Bozzoli possa essere ancora vivo. Il primo cittadino di Marcheno, il paesino in provincia di Brescia, proprio questa mattina ha dichiarato che “si cerca un cadavere”.

Lascia un commento

Back to Top