HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsUltimissimeGiallo di Misano: non omicidio-suicidio ma solo una tragedia casuale

Giallo di Misano: non omicidio-suicidio ma solo una tragedia casuale

di

Il giallo dei tre cadaveri rinvenuti a Misano il 13 gennaio 2015, nella villa in cui abitavano da vivi, dopo un anno di indagini accurate è giunto alla svolta definitiva dell’archiviazione perchè, come ha dichiarato il pm Luca Bertuzzi «non vi sono elementi che possano far ipotizzare l’intervento di terzi quale causa o concausa dei tre decessi».

giallo di Misano - delitti.net giusy 250516 h 14.23Le tre persone trovate decedute quel giorno erano Alvaro Alonzo Cerda Cedeno, un aiuto cuoco 35enne originario dell’Equador, la sua compagna Adriana Stadie, 44enne argentina, la figlia di lei, Sophie Annette Stadie, 15enne, che studiava all’Istituto per Geometri a Rimini.

La famiglia era stata ritrovata senza vita nella loro abitazione; in un primo tmpo gli inquirenti pensarono di trovarsi davanti ad un caso di omicidio-suicidio, ma ora è emerso che cosi non è. Dalle perizie effettuate è stato scoperto che a causare la morte delle due donne era stato il monossido di carbonio sprigionato da una stufa situata nella camera.

Gli inquirenti, ricostruendo i fatti in base ai nuovi elementi hanno concluso che Alvaro Alonzo Cerda Cedeno rientrando a casa dal lavoro ha trovato i corpi senza vita della compagna e della figliastra, il dolore deve averlo sopraffatto e cosi preso dalla disperazione, si è tagliato le vene, morendo dissanguato. Una terribile tragedia famigliare e non omicidio-suicidio.

Lascia un commento

Back to Top