HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsUltimissimeGiallo di Ostia: sedicenne vola dal balcone
giallo di ostia

Giallo di Ostia: sedicenne vola dal balcone

di

E’ giallo ad Ostia. Ieri mattina un giovane sedicenne ha fatto un volo dal balcone della sua abitazione che si trova al secondo piano di un palazzo in Via Ludovico De Filippi. Sono molti i lati oscuri su cui stanno cercando di fare luce i carabinieri. I genitori del ragazzo erano a lavoro, quindi lui era da solo in casa. A sentire il forte tonfo e ad allertare il 118 è stato il portiere del palazzo.

giallo di ostiaUna mattina come tante, con i raggi del sole che ti accarezzano il viso e l’aria sempre più dolce. Alle 8 la città è già sveglia, le campanelle invitano gli studenti ad entrare in classe, le saracinesche dei negozi si alzano e gli uffici si riempiono. Eppure il giallo di Ostia ha scosso la tranquillità dei cittadini. Un sedicenne è rimasto a letto per via di una leggera influenza, i genitori lo salutano e si recano a lavoro ignari che di lì a poco si sarebbe consumata una tragedia. Nessun testimone del volo, solo un tonfo secco che ha allarmato il portiere del palazzo. L’uomo, anche lui padre di famiglia, non si toglie ancora dagli occhi quell’immagine del sedicenne sul marciapiedi. Il sedicenne è stato prima trasportato verso il Grassi di Ostia, poi i medici hanno disposto il trasferimento presso il San Camillo di Roma. Secondo alcune indiscrezioni pare che abbia subito seri danni alla colonna vertebrale ma il quadro clinico è complesso: fratture e trauma cranico.

Secondo il quotidiano Il Messaggero che ha riportato la notizia del giallo di Ostia, sono molti i lati da chiarire e non si esclude alcuna ipotesi. Il sedicenne è il primogenito, ha altri due fratelli. Frequenta un istituto professionale della capitale. Tutti i familiari sono sconvolti per l’accaduto e non riescono a capire il motivo di questo gesto. Sicuramente il ragazzo sta affrontando un periodo di crisi, come molti suoi coetanei, ma non aveva manifestato intenzioni suicide. I carabinieri, insieme ai genitori hanno cercato tra le cose personali dell’adolescente per trovare qualche indizio utile.

Lascia un commento

Back to Top