HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiFemminicidioNewsMarinella Bertozzi massacrata da calci e pugni
Marinella-Bertozzi - delitti.net

Marinella Bertozzi massacrata da calci e pugni

di

Il marito di Marinella Bertozzi, Giacomo Benvenuti, 40 anni, di Santa Croce sull’Arno, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo investigativo di Firenze; dopo settimane di indagini, l’uomo era indagato per omicidio aggravato e maltrattamenti nell’ambito famigliare. Tutti i dettagli e l’esito dell’operazione sono stati spiegati durante una conferenza stampa dal procuratore della Repubblica, il dottor Giuseppe Creazzo.

Marinella-Bertozzi - delitti.netL’arresto è avvenuto in seguito alla morte della moglie del Benvenuti, la donna abitante a Querce; era stata trovata nuda sul letto e con varie lesioni sul corpo; ed era ancora in vita quando arrivarono i medici del 118.  La donna, una cinquantenne originaria di San Miniato era tornata a casa  la sera del 30 ottobre 2014 e da quel momento non era più stata vista.

Secondo le indagini, che la Procura di Firenze ha condotto, il caso di Marinella è uxoricidio; il marito la picchiava spesso, più volte denunciato e segnalato da Roberto, il fratello di Marinella Bertozzi; quella sera l’ha massacrata di botte fino ad ucciderla. Poi lui stesso ha chiamato il 118; premurandosi però prima di ripulire la casa; questi i particolari stabiliti dalle indagini del Ris. le pulizie sono state attuate dal Benvenuti cosi meticolosamente che nemmeno il personale sanitario si è accorto che la donna era in quello stato e in seguito deceduta per le percosse. Giacomo Benvenuti è stato fermato dagli agenti nella fabbrica conciaria di Santa Croce sull’Arno dove lavora, per omicidio aggravato e maltrattamenti con un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal gip Alessandro Moneti su richiesta del pm Sandro Cutrignelli.

La squadra scientifica dei carabinieri ha ritrovato nella casa della coppia numerosi oggetti con tracce ematiche, tra cui un manico di scopa metallico spezzato a metà; molte tracce biologiche di sangue e fluidi corporei sono state trovate anche sulle pareti dell’abitazione e sui pavimenti. Le numerose tracce biologiche di differente tipologia: tracce ematiche, formazioni pilifere, altri fluidi corporei, rinvenute in tutto l’appartamento, documentano la violenza dell’aggressione, e non solo ma anche la frequenza e il ripetersi dei pestaggi nei confronti della poveretta. Benvenuti aveva picchiato Marinella anche il giorno prima del matrimonio, celebrato a Rosignano. A detta della Procura, Giacomo Benvenuti ha fornito testimonianza confusa e discordante. Rinchiuso nel carcere di Sollicciano dove nella giornata di ieri ha ricevuto la visita del suo avvocato, attende il proseguirsi della giustizia.

Lascia un commento

Back to Top