HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGiallo in crociera: Laura Stuardo esce dal coma e accusa il compagno
laura stuardo_crociera

Giallo in crociera: Laura Stuardo esce dal coma e accusa il compagno

di

Laura Stuardo è sopravvissuta miracolosamente ad un volo di 35 metri nei mari del Nord. Dal primo momento si è pensato ad un tentativo di suicidio, ma quando la donna si è risvegliata ha raccontato la sua versione.

laura stuardo_crocieraLa sera del 20 luglio i vicini di cabina avevano sentito Laura Stuardo che stava urlando. Il tono della voce faceva pensare che stesse litigando con qualcuno. Le telecamere di sicurezza, qualche minuto dopo, hanno immortalato il suo volo dalla finestra di una cabina al terzo piano della nave da Crociera Costa Fortuna.

Dopo settimane di coma, Laura Stuardo, una torinese di 53 anni si è finalmente risvegliata e ha raccontato la sua versione dei fatti. La Costa Fortuna era ferma nel porto di Flam, un villaggio situato a Sognefjord, un fiordo del Sud della Norvegia. La procura di Torino, dopo aver ascoltato Laura Stuardo, ha aperto un’inchiesta al momento senza indagati. La famiglia della donna, divorziata da tre anni, accusa il compagno con cui ha una relazione da un anno.

Gli agenti norvegesi hanno ricostruito la giornata di Laura Stuardo sino al momento del volo: nel pomeriggio era rimasta nei pressi del piccolo villaggio, dove aveva scattato delle foto; la sera ha cenato nel salone della nave e poi è rientata in cabina. Le urla di cui hanno parlato alcuni testimoni non si sa se possano essere ricollegate alla lite o al momento in cui stava per precipitare in acqua. Le autorità norvegesi avevano pochi elementi e le testimonianze erano deboli. Ora Laura Stuardo nega il suicidio e l’ultima cosa che ricorda è porprio la lite con G.P., il compagno. L’uomo ha raccontato di aver tentato di salvare Laura ma senza riuscirci dicendo che aveva tentato il suicidio.

La fibra di Laura Stuardo però è forte: ha resistito al volo di 35 metri e all’acqua fredda. Lentamente cerca di riprendersi e le sue condizioni sono monitorate costantemente dai medici. Sicuramente alla donna serve tempo per ricordare cosa è successo davvero quella sera.

Lascia un commento

Back to Top