HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsIl giallo di Roberta Ragusa: ecco le ultime indiscrezioni

Il giallo di Roberta Ragusa: ecco le ultime indiscrezioni

di

Il caso di Roberta Ragusa è ancora avvolto nel mistero: tutti gli indizi portano al marito, Antonio logli. Quest’ultimo, però, si proclama innocente, nonostante abbia una relazione extraconiugale da anni con Sara. Sara e Antonio parlano molto di amore. Ma c’è un dubbio che serpeggia tra gli inquirenti: si può uccidere per amore?

roberta-ragusa-antonio-logliPer gli inquirenti, il movente dell’omicidio è riconducibile proprio a Sara, l’amante. Logli era stretto nella morsa tra la moglie  e l’amante: da un lato il rischio di perdere il patrimonio in caso di divorzio, dall’altro le forti pressioni dell’amante. Nel lontano 2008 Sara parlava già di depressione nel vedere la finta famiglia felice. Sara vuole essere madre, e vuole che lui la sposi. Angelo, così Logli si firma nelle sue lettere, le promette un amore eterno.

Roberta inizia a sospettare di avere un amante, ed inizia ad annotare tutte le sue uscite. Un giorno, ascoltando una conversazione in soffitta, capisce che i suoi sospetti sono fondati,e gli fa una domanda diretta: hai un’amante? L’altra donna ha a che fare con il suo ambiente lavorativo, Roberta ne è certa, e disperata si sfoga con la cugina Sonia.

Ma poi Roberta si convince che non può essere Sara l’amante, in quanto la vede come un’amica. Il primo dicembre 2011 Sara decide di lasciare Antonio, esasperata dalla sua relazione e dalla famiglia del compagno. Dopo alcuni mesi i due amanti tornano insieme, e ricominciano a mandarsi messaggi d’amore.

In casa Logli, però,nel frattempo la coppia litiga. La figlia di Roberta, sentita in procura dopo la sparizione della mamma, ammette le liti, e spiega che aveva sentito la madre dire a Logli di lasciarsi. L’ultimo di questi litigi avviene alcuni giorni prima della scomparsa di Roberta: quest’ultima e Antonio stavano cadendo dalla scala. Sulla sua agenda Roberta segna tutto, e dice ai conoscenti che in quell’occasione Antonio l’ “aveva quasi ammazzata”.

La notte tra i 13 e il 14 gennaio Roberta scompare. Il giorno dopo, alle 7.30, Antonio chiama Sara, e le dice che la moglie non è a casa, e di spegnere il telefono (quello che usano per comunicare). Antonio, a quell’ora è già in giro: l’uomo dice di aver fatto un giro per cercare la moglie. Secondo gli inquirenti si reca da Loris Gozzi per capire se avevano visto, o sentito, qualcosa la sera prima. Lui negherà il fatto.

A questo punto comunica la sparizione della moglie ad un amico carabiniere. Alle 11 in presenza di un amico che lo sta aiutando nelle ricerche chiama ancora Sara annunciandole la sparizione della moglie. Sara corre a casa sua,per occuparsi della bambina. Antonio, in giro a cercare la moglie per cimiteri, viene chiamato dal maresciallo dei carabinieri, il quale lo avvisa che i cani molecolari stanno arrivando a casa sua, e di sbrigarsi a fare la denuncia.

A questo punto, la Ford di Antonio non si mette più in moto: dice all’amico che non è la prima volta e che tornerà a prenderla il giorno dopo. L’amico nota che l’uomo si toglie il giaccone, e che lo lascia nel bagagliaio: è una mattina freddissima. Perchè lo fa? Più persone notano i graffi presenti sulle tempie e sulle mani di Antonio, e anche in caserma lo notano quando l’uomo si decide a presentare la denuncia di scomparsa verso le 13 circa.

Al maresciallo dichiara di essersi  graffiato con i rami di una pianta del giardino. Alla domestica, il giorno dopo, dirà di aver sbattuto contro uno spigolo. Quel giorno in caserma non parla della relazione con Sara: descrive il suo rapporto con Roberta normale

(Fonte Chi l’ha visto)

Lascia un commento

Back to Top