HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsUltimissimeGiancarlo Bossola uccide due donne e poi si suicida
giancarlo bossola

Giancarlo Bossola uccide due donne e poi si suicida

di

Un ex poliziotto di 60 anni in pensione, Giancarlo Bossola, ha ucciso due donne e poi è morto probabilmente suicida. Il primo delitto è avvenuto ad Alessandria in Piemonte, il secondo a Ventimiglia in Liguria. Una delle donne ha origini cubane e la sua morte è avvenuta qualche giorno fa. L’altra era con l’uomo nell’auto ritrovata carbonizzata sull’A10 nei pressi di Orco Feligno (Savona).

giancarlo bossolaUn duplice omicidio con probabile suicidio lega con un filo rosso il Piemonte alla Liguria. Il movente e la dinamica sono ancora piuttosto confusi e gli inquirenti non stanno lasciando davvero nulla al caso per capire cosa abbia spinto Giancarlo Bossola, un ex poliziotto di 60 anni in pensione ad uccidere due donne e a decidere di togliersi la vita. Prima di morire l’uomo aveva contattato il 113 di Genova confessando di aver già ucciso una donna e di voler mettere fine alla sua vita dopo averne ammazzate altre.

Giancarlo Bossola era un ex poliziotto della scuola allievi. Con la sua segnalazione ha permesso agli agenti di trovare il cadavere di Rivera Ramirez, una donna di origini cubane residente ad Alessandria, la cui morte risale ai giorni scorsi. Sul corpo non c’erano ferite di arma da fuoco, con molta probabilità è stata strangolata. I particolari da ricostruire sono davvero tanti perché Bossola ha noleggiato un’Audi A6 e si è dato alla fuga sull’autostrada A10 ritrovata in una piazzola di sosta all’altezza di Orco Feglino (Savona). All’interno il suo corpo carbonizzato e quello della compagna. L’ipotesi è che ad appiccare l’incendio sia stato proprio Giancarlo Bossola.

Ad Alessandria, nell’appartamento della donna cubana, sono state ritrovate quattro lettere in cui Giancarlo Bossola spiega le ragioni di questi omicidi. Secondo le prime indiscrezioni trapelate l’uomo potrebbe aver agito per motivi religiosi ispirati da una setta sudamericana di cui era seguace.

Lascia un commento

Back to Top