HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsGiovanna Mauro, arrestato il vicino che la uccise a colpi di forbici

Giovanna Mauro, arrestato il vicino che la uccise a colpi di forbici

di

Dopo tre mesi dal delitto di Giovanna Mauro, anziana di 90 anni trovata senza vita sull’ingresso della sua abitazione, è stato arrestato l’autore del delitto

La donna è stata uccisa con un paio di forbici da Angelo Sechi 56 anni, e suo vicino di casa il primo ottobre 2013. Secondo quanto ricostruito dai militari, Giovanna Mauro aveva appena ritirato la pensione, Sechi bussò alla porta della vittima e una volta entrato nell’appartamento cercò di frugare all’interno della borsa della donna per rubarle i soldi. La vittima si accorse di tutto e da lì scoppiò una lite degenerate nel delitto.

L’uomo originario di Roma ma da tempo residente a Genova, si accanì sulla 90enne con un paio di forbici. Dodici colpi e poi quello fatale alla gola. Infine, per depistare le indagini e far credere ad una rapina, Sechi mise a soqquadro l’abitazione portando via oggetti di valore cercando di convincere gli inquirenti che se avessero trovato delle sue impronte digitali a casa di Giovanna Mauro, era perchè si recava spesso dalla donna per qualche lavoretto.

giovanna mauroPoi la svolta decisiva annunciata dal Tgcom24: “La polizia trovò sui pantaloni dell’anziana tracce di una calce particolare, la stessa che macchiava i pantaloni di Sechi mentre il medico legale trovò sotto le unghie della donna delle cellule epiteliali e da quelle estrasse il Dna. […] Sechi si contraddisse: affermò di non aver mai comprato dei guanti poi ammise la circostanza dicendo che erano ancora nella loro confezione a casa sua. Ma i guanti che aveva indicato, e che recavano ancora il cartellino del prezzo, erano stati acquistati da un’altra parte due-tre giorni dopo l’interrogatorio dell’uomo. L’incrocio con il test del Dna l’ha inchiodato.”

L’arresto è scattato immediatamente. Sechi è stato arrestato per aver ucciso Giovanna Mauro con l’accusa di omicidio e rapina. Per la famiglia della donna, l’uomo non avrebbe agito da solo: “Credo che non abbia agito da solo – ha dichiarato il figlio della vittima – e penso che questo sia stato un omicidio premeditato.”

Lascia un commento

Back to Top