HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGiovanni Pucci: suicida in carcere, pestato per ordine delle guardie penitenziarie

Giovanni Pucci: suicida in carcere, pestato per ordine delle guardie penitenziarie

di

Giovanni Pucci, 44enne leccese condannato a 30 anni per un assassinio nel 1999, faceva il corriere di droga e materiale pornografico nel carcere di Padova, ma voleva smettere

giovanni-pucciSembra una storia senza fine quella legata a Giovanni Pucci, il 44enne che si è suicidato in carcere il 25 luglio nel carcere ‘Due Palazzi’ di Padova dove stava scontando una condanna a 30 anni per l’omicidio, avvenuto nel ’99, della dottoressa Maria Monteduro.

All’epoca uccise la donna, che cercava di aiutarlo ad uscire dal giro della tossicodipendenza, a colpi di cacciavite nelle campagne salentine e venne condannato all’ergastolo, pena poi ridotta a 30 anni e con la possibilità dal 2013 di avere il permesso per un lavoro esterno tanto che si era anche sposato. Ma evidentemente il passato è tornato a bussare anche per lui, che risulta coinvolto nell’inchiesta denominata ‘Apache‘ e coordinata dalla Procura della Repubblica di Padova.

Si tratta di un presunto giro di droga, telefoni cellulari e materiale pornografico che entravano nel carcere della città veneta e che l’8 luglio scorso aveva portato all’arresto di un avvocato e sei guardie penitenziarie in servizio nella struttura. Giovanni Pucci secondo quanto ipotizzato dall’accusa era il corriere dello stupefacente per i detenuti e avrebbe raccontato agli inquirenti pochi giorni prima di togliersi la vita di essere stato picchiato, visto che aveva detto di voler uscire dal giro della droga e del materiale pornografico.

Un pestaggio in piena regola da parte di alcuni carcerati direttamente su ordine degli agenti di polizia penitenziaria coinvolti nel giro di affari illeciti. Ecco perché la Procura di Padova ha iscritto nel registro degli indagati sei carcerati e due agenti della polizia penitenziaria. Inoltre il 10 agosto si era suicidato, tagliandosi le vene, anche un altro degli indagati, l’ispettore della polizia penitenziaria Paolo Giordano (40 anni), trovato cadavere nell’alloggio di servizio dove era ai domiciliari.

Dove è accaduto

Lascia un commento

Back to Top