HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaUltimissimeGiuseppa Corvi uccisa a martellate: Arrestato il marito

Giuseppa Corvi uccisa a martellate: Arrestato il marito

di

Giuseppa CorviLa 43enne Giuseppa Corvi, originaria di Lugnano in Teverina, è stata trovata senza vita nel suo appartamento a Borgo Rivo. Ad ucciderla è stato il marito che a colpi di martello le ha tolto la vita

Il 48enne Franco Rinaldi, operaio dell’Alcantara, è stato subito fermato dalla polizia che questa mattina, intorno alle ore 8,30, è stata avvertita dai vicini preoccupati dalle urla della donna. La coppia, che aveva un figlio di 16 anni che era appena andato a scuola e che viveva con la donna, si stava ufficialmente separando e molto probabilmente la causa del delitto è collegata proprio a questo motivo.

Da voci non ancora confermate dagli investigatori, i coniugi non vivevano più nello stesso appartamento dal mese di dicembre 2013.

Secondo le primissime ricostruzioni, l’uomo era andato a trovare Giuseppa Corvi per chiarire la loro situazione sentimentale ma, poco dopo, i vicini hanno sentito una iniziale discussione e poi delle urla. Il conseguente litigio è finito nei peggiori dei modi. Rinaldi avrebbe infatti preso il martello accanendosi contro la consorte e con un solo colpo avrebbe poi ucciso la donna che è morta all’istante tanto che all’arrivo dei soccorsi non c’è stato nulla da fare per poter salvare la vittima.

La polizia è arrivata sul luogo del delitto giusto in tempo per poter arrestare l’uomo che stava tentando di scappare scendendo dal balcone dell’appartamento sito al terzo piano della palazzina di via del Fringuello numero 4, nel quartiere di Borgo Rivo.

In un cespuglio poco distante dall’abitazione di Giuseppa Corvi, è stata trovata una Vespa bianca forse nascosta dal marito per poter fuggire dopo l’omicidio.

Al momento gli aggiornamenti, le indagini e i rilievi scientifici sulla scena del delitto continuano per capire l’effettivo movente di questo ennesimo femminicidio e soprattutto per sapere se l’uomo, ora sotto interrogatorio, lo avesse premeditato o meno.

Lascia un commento

Back to Top