HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGiuseppe Ghirardini: le sorelle dell’operaio della fonderia Bozzoli indagano sulla misteriosa morte del fratello

Giuseppe Ghirardini: le sorelle dell’operaio della fonderia Bozzoli indagano sulla misteriosa morte del fratello

di

Le sorelle di Giuseppe Ghirardini si sono recate presso il Tonale, dove venne trovato il corpo senza vita dell’operaio della fonderia di Mario Bozzoli e del fratello. Sono convinte che non è potuto arrivare da solo perché è un luogo difficile da raggiungere, ed è stato portato lì per essere ucciso.

Giallo n. 47

Giallo n. 47

Il giallo di Marcheno che riguarda la scomparsa dell’imprenditore Mario Bozzoli è collegato alla morte di Giuseppe Ghirardini, uno degli operai della fonderia di cui era titolare insieme al fratello. L’uomo è stato trovato morto e l’autopsia ha stabilito che è stato avvelenato con il cianuro. Su Giallo numero 2, le sorelle di Giuseppe Ghirardini hanno raccontato che sono andate al Passo del Tonale, nel punto esatto in cui è stato trovato e hanno deposto un fiore. Per la morte di Giuseppe Ghirardini è stato aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, i carabinieri sono convinti che l’uomo sia stato spinto ad uccidersi forse perché coinvolto nella sparizione di Mario Bozzoli. Ricordiamo che per la scomparsa di Mario Bozzoli sono indagati i due nipoti e tutti gli operai presenti in azienda quella sera. Se Giuseppe Ghirardini fosse ancora in vita, il provvedimento avrebbe riguardato anche lui, però qualcuno l’ha messo a tacere per sempre.

Mina Ghirardini non riesce a darsi pace, il fratello era una persona meravigliosa e non aveva alcuna intenzione di uccidersi visto che stava programmando un viaggio in Brasile per andare a trovare il figlio. Insieme a lei, sul Passo del Tonale, è andato uno degli amici di Ghirardini. Il viaggio è stato lungo e faticoso e ci sono volute 4 ore per raggiungere il luogo del ritrovamento, ad un certo punto c’era una lastra di ghiaccio che rendeva ancora più difficile l’impresa, quindi è chiaro che Giuseppe è stato portato con forza da qualcuno e obbligato a prendere il veleno. Le loro ipotesi sono confermate dal fatto che i cani molecolari hanno fiutato le tracce di Giuseppe Ghirardini si sono fermati prima del bosco. Tutti ricordano Ghirardini come un uomo onesto, era atteso dai carabinieri per testimoniare e sicuramente avrebbe detto la verità.

Lascia un commento

Back to Top