HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiMisteri ItalianiGiuseppe Sechi, un teste: Erittu mi disse di averlo ucciso

Giuseppe Sechi, un teste: Erittu mi disse di averlo ucciso

di

In aula a parlare è di nuovo un detenuto, che ha raccontato ancora delle confessioni di Marco Erittu, sul quale le indagini vogliono capire se sia stato ucciso o se si sarebbe suicidato in cella, riguardo l’omicidio di Giuseppe Sechi

Un teste, Massimiliano Pilo, ha dichiarato nell’aula della Corte d’Assise riguardo l’omicidio di Giuseppe Sechi, portato al termine del detenuto Erittu, successivamente morto in carcere: “Marco Erittu era uno che si prendeva le colpe di cose che non aveva fatto per sentirsi grande, importante. Era un millantatore. Mi disse di esser stato lui a uccidere Giuseppe Sechi e di avergli anche tagliato l’orecchio. Ma sicuramente era una bugia”.

L’avvocato  Patrizio Rovelli difensore di Pino Vandi, accusato di essere stato il mandante dell’omicidio di Marco Erittu, ha letto a Pilo alcuni passaggi del suo interrogatorio dove rivelò ai militari una confidenza che lo stesso Erittu gli fece: “Sì, è vero. Un giorno gli parlai di Giuseppe Sechi perché lo avevo conosciuto in treno e lui mi disse di averlo ammazzato insieme a un’altra persona”.

giuseppe sechiErittu avrebbe confessato a Pilo anche dove si trovava il corpo di Giuseppe Sechi, ovvero seppellito nelle campagne di Sassari, e ogni tanto avrebbe continuato a pronunciare queste parole: “Chissà cosa sta crescendo nel terreno dove è sepolto Sechi”. Pilo però aggiunge: “Ma sicuramente era una fesseria, era un ciarlatano.”

Pino Vandi avrebbe a sua volta fatto scomparire Marco Erittu, per evitare che quest’ultimo vuotasse il sacco, poichè aveva scritto una lettera mai arrivata alla Procura, dove si sarebbe potuto leggere di tutti i risvolti che attanagliavano la vicenda del delitto Sechi, forse collegato a quello di Ruiu.

Giuseppe Sechi sparì a soli 20 anni il 21 marzo del 1994, aveva perso il treno per rientrare a casa dopo che aveva passato l’intera serata con la sua fidanzatina di Sorso. In un primo momento si pensò ad un allontanamento volontario dato che aveva da poco saputo della gravidanza della sua fidanzata, fu avvistato mentre scendeva dal treno per l’ultima volta, avrebbe dovuto prendere l’autobus, ma a casa non arrivò mai ed il suo corpo non è stato mai trovato.

Lascia un commento

Back to Top