HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiGiuseppe Vassalli è scomparso dal 18 agosto: aperta indagine per omicidio
giuseppe vassalli

Giuseppe Vassalli è scomparso dal 18 agosto: aperta indagine per omicidio

di

La famiglia di Giuseppe Vassalli non ha più sue notizie dal 18 agosto. Il 26enne non era noto alle forze dell’ordine ma ci sono alcuni sospetti sulle sue amicizie “particolari”. Escluso l’allontanamento volontario, la Procura di Trani indaga per omicidio.

giuseppe vassalliGiuseppe Vassalli è scomparso da Canosa di Puglia il 18 agosto. Non si è trattato di un allontanamento volontario, per questo la procura ha aperto un’indagine per omicidio. Carabinieri e Polizia hanno setacciato la zona dove è stata trovata la sua auto distrutta dalle fiamme. L’area è molto vasta e vi sono gravine e grotte.

Giuseppe Vassalli dopo un trapianto di fegato doveva assumere dei farmaci quotidianamente, per questo non può essere andato via da casa per scelta e gli inquirenti che all’inizio erano cauti sulla vicenda, temono che si tratti di lupara bianca. Quello di Giuseppe Vassalli sarebbe il quarto caso a Canosa di Puglia, prima di lui erano spariti in circostanze simili, Sabino D’Ambra nel 2010, e Alessandro Sorrenti e Sabino Sasso nel 2003. Da qualche tempo Vassalli frequentava amicizie “particolari” ma gli inquirenti hanno preferito mantenere il massimo riserbo.

Intanto va avanti il piano delle ricerche attivato dal commissariato di Polizia, che si avvale della preziosa collaborazione del corpo nazionale del Soccorso Alpino, della Croce rossa italiana, della federazione delle Misericordie di Puglia e di tutte le associazioni di volontariato. Sono circa 200 le persone che in questo momento stanno setacciando il territorio di Canosa anche se le ricerche sono concentrate nei pressi della diga del Locone e delle strade provinciali. Nei prossimi giorni arriveranno anche i cani molecolari da Palermo, specializzati nella ricerca di resti umani con la speranza che siano di aiuto per fare luce sul caso della scomparsa di Giuseppe Vassalli.

Fonte: Repubblica – Bari

Lascia un commento

Back to Top