HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsGravina: il padre di Ciccio e Tore è innocente. Risarcito di 65mila euro

Gravina: il padre di Ciccio e Tore è innocente. Risarcito di 65mila euro

di

Dopo sette anni dall’arresto di Filippo Pappalardi, padre dei due fratellini Ciccio e Tore, si è arrivati al risarcimento perché considerato innocente e ingiustamente detenuto. Ricordiamo che i due fratellini Ciccio e Tore erano scomparsi da Gravina il 5 giugno 2006

ciccio-e-tore-gravina-il-padre-rimborsatoDa subito l’attenzione e il sospetto cade sui genitori dei due ragazzini, Filippo Pappalardi e Rosa Carlucci. Francesco, tredici anni e Salvatore undici sono usciti dalla loro casa di via Casale verso le 17:30 e hanno attraversato le vie del loro paese, come mostrano alcune immagini dei piccoli che si allontanano.

Perchè il Paese e forse tutta l’Italia condannava il padre definito da molti padrone? Perchè i servizi sociali avevano affidato Ciccio e Tore a lui e non alla mamma, considerata fragile e sbandata da molti compaesani.

Furono ritrovati invece soltanto nel febbraio 2008, i loro corpi ormai cadaveri in una cisterna abbandonata a pochi chilometri di distanza dalla loro abitazione. Le accuse che furono mosse al padre in prima istanza, furono le stesse che lo condannarono alla prigionia.

Pappalardi fu accusato di sequestro di persona, omicidio volontario e occultamento di cadavere. Fu scagionato, diventando libero dopo gli arresti domiciliari, il 4 aprile 2008, quando le autopsie sui corpi dei due ragazzini hanno accertato la morte per caduta accidentale.

Anche la Corte di Cassazione, nel giugno 2008 stabilì che non c’erano gravi indizi di colpevolezza che potevano detenere Pappalardi in carcere. L’avvocato difensore del Pappalardi ha chiesto un risarcimento di 516 mila euro di danni morali per ingiusta detenzione.

Ora verranno corrisposti i già accordati 65 mila euro di risarcimento così divisi: 20.500 euro per la privazione di libertà personale oltre a 45 mila euro per i gravissimi danni morali dovuti alla vicenda, per i danni morali, infatti non ha potuto vedere per l’ultima volta i suoi figli, inoltre per problemi di salute dovuti ad una forte depressione causata dalla vicenda e dalla perdita del lavoro.

Lascia un commento

Back to Top