HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
ScomparsiGuerrina Piscaglia: ecco gli sms di Padre Graziano

Guerrina Piscaglia: ecco gli sms di Padre Graziano

di

E’ padre Graziano a parlare, e risponde alle domande degli inquirenti: Guerrina si era innamorata di lui. E’ lui stesso a confermarlo. Non solo: stava per metterlo in pericolo, infangando la sua persona e distruggendo tutto quello che aveva duramente costruito. E infatti Padre Graziano non reagisce bene alla notizia dell’improvvisa gravidanza di Guerrina.

guerrina-piscagliaE’ lo stesso parroco che, in modo franco, confida il rapporto burrascoso, e imbarazzante (per chi indossa una tunica) che aveva con Guerrina. Una donna sposata. Ma anche il marito si era accorto che qualcosa non andava. Dal mese di marzo al primo maggio (giorno della scomparsa), Guerrina  e padre Graziano si scono scambiati più di 4000 contatti. Molti sono sms.

Il contenuto dei messaggi lo ha riferito ai magistrati lo stesso Padre Graziano, quando ancora non si era avvalso della facoltà di non rispondere. L’argomento di quei messaggi era sempre lo stesso: secondo padre Graziano, Guerrina lo cercava perchè voleva stare con lui.

E in più c’era quella gravidanza inaspettata che si poteva tenere nascosta ancora per poco. Anche se padre Graziano, durante gli interrogatori, nega di aver avuto rapporti sessuali con la donna. A questo punto ci chiediamo: ma Guerrina è realmente incinta?

Mentre il frate, alla notizia della gravidanza di Guerrina, si spaventa e cerca di prendere tempo, Guerrina pare volersi confidare con chi le sta vicino. E comunque continua a telefonare e a cercare Padre Graziano. Questo accade nel mese di marzo: Padre Graziano, poi, racconta  di aver chiamato la donna per portarla all’ospedale di Perugia, dove lavora una sua amica e farle fare il test di gravidanza, e quello del dna per stabilire la paternità del bambino.

Padre Graziano aveva trovato anche una scusa per Mirco, il marito di Guerrina: gli aveva detto che voleva portare Guerrina all’ospedale di Perugia perchè le aveva trovato un posto di lavoro. Ma Guerrina a quell’appuntamento non si presenta: cosa succede poi?

Padre Graziano cerca di far ragionare Guerrina in tutti i modi. Cerca anche di controllarla, sperando che la donna non decida di mettere in atto le sue minacce. Ed è andato a trovarla anche quando Guerrina si trasferisce a casa della sorelle a Novafeltria.

Pochi giorni prima della scomparsa, lo scambio di messaggi e telefonate tra Padre Graziano e Guerrina aumenta. Vistosamente. Ed è sempre il parroco a parlare durante gli interrogatori delle loro chiacchierate: Guerrinaè stanca. Quella situazione la mette in crisi, e la fa soffrire.

Poi dalla richiesta di aiuto passa alle minacce: dice che denuncerà la loro storia ai carabinieri. Graziano è spaventato, ed arriva il primo maggio: quel giorno, dopo aver pranzato a casa dei suoceri, si era incamminata verso la canonica.

In realtà, prima di lasciare casa aveva inviato un sms a Padre Graziano. Questo è il testo: “Vengo da te cucino il coniglio e poi facciamo l’amore”. E come risponde Padre Graziano? Tenta di dissuadere la donna: il coniglio lo aveva cucinato un’altra signora. Ma lei insiste: vuole vederlo a tutti i costi.

Ed eccolo l’ulitmo messaggio inviato a Guerrina: “Vieni, la porta della canonica è aperta”! Da quel giorno, di Guerrina, non si hanno più notizie. C’è una donna, poi, che ha cercato di aiutare Guerrina, e che ha avvisato un alto prelato di questa delicata situazione. Ha anche cercato di far allontanare Padre Graziano dal paese. Un appello rimasto, però, inascoltato e che l’aveva costretta a scrivere una lettera indirizzata direttamente al Vescovo di Arezzo.

Quest’ultimo, intervistato ai microfoni di Chi l’Ha Visto, ha negato l’esistenza della lettera. Nel frattempo, però, ha inviato un altro prete a Ca’Raffaello. Il mistero sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia, però, non è ancora stato risolto.

(Fonte Chi l’Ha Visto)

 

Lascia un commento

Back to Top