HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseHomer Lee Jackson: il serial killer spietato degli anni ’80 incastrato grazie alle nuove tecnologie
homer lee jackson_serial killer usa

Homer Lee Jackson: il serial killer spietato degli anni ’80 incastrato grazie alle nuove tecnologie

di

Homer Lee Jackson era un pericoloso serial killer degli anni ’80 che se ne andava in giro indisturbato. Ad incastrarlo le nuove tecnologie che hanno permesso di risolvere 4 cold case degli USA di omicidi avvenuti tra il 1983 e il 1987.

homer lee jackson_serial killer usaNegli anni ’80 un serial killer aveva preso di mira le prostitute dell’Oregon. Homer Lee Jackson però era sempre riuscito a farla franca. L’uomo, originario di Portland, oggi ha 55 anni. Nella sua lunga lista di crimini vi sono anche furti con scasso e armi ma giovedì è finito in cella grazie all’intervento della squadra Cold case unit, una sezione speciale della polizia di stato americana.

La Cold case unit, aveva deciso di riaprire i fascicoli di alcuni casi irrisolti che presentavano dettagli di esecuzione molto simili. Analizzando i reperti in archivio mediante l’ausilio delle nuove tecnologie, è stato possibile arrivare a stabilire con precisione l’identità del killer: Homer Lee Jackson. Le vittime di Jackson sono Angela Anderson di 14 anni, Essie Jackson di 23 anni, Tonja Gharry di 19 anni, uccise nel 1983 e Latanga Watts di 29 anni, massacrata nel 1987. Le prime tre vittime vennero strangolate e il loro corpo fu abbandonato all’aperto, mentre Latanga venne ritrovata in una casa sfitta. Ci sono voluti almeno 18 mesi per chiudere i 4 cold case e arrestare Homer Lee Jackson.

Le quattro donne avevano in comune lo stesso tragico destino, erano costrette a prostituirsi in una zona commerciale e l’ultimo uomo che hanno visto in faccia è stato Jackson. Ora l’uomo, che non può più mentire davanti all’evidenza delle prove del DNA che risultano più che sufficienti, dovrà rispondere dell’accusa di omicidio.

Lascia un commento

Back to Top