HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiIvan Regoli, forse suo il cadavere rinvenuto in un pozzo a Gallipoli

Ivan Regoli, forse suo il cadavere rinvenuto in un pozzo a Gallipoli

di

Gli inquirenti ipotizzano che si possa trattare del giovane Ivan Regoli ritrovato questa mattina in un pozzo nelle campagne di Gallipoli

ivan-regoliLa scoperta stamattina di un cadavere all’interno di un pozzo ha fatto scattare tutta una serie di accertamenti sulla possibile identità di quelle ossa.
Il pozzo si trava su un fondo nelle campagne di Racale e Matino ed è stato proprio il proprietario a lanciare l’allarme quando tirando su un tubo ha notato dei resti umani.
I poliziotti di Gallipoli stanno cercando di risalire all’identità dell’uomo, e da indiscrezioni sembrerebbe che si tratti di Ivan Regoli che scomparve proprio in quelle campagne circa due anni fa e per il quale il procuratore Antonio De Donno ipotizzò l’omicidio e l’occultamento del cadavere.

La scomparsa di Ivan Regoli avvenne il 12 settembre del 2011 e il ragazzo all’epoca aveva appena 29anni.
Era sposato ed aveva un bambino. Uscì a piedi per comprare le sigarette e da allora non se ne seppe più nulla. Con lui portò il telefonino e le chiavi del suo motorino che gli sarebbe servito da lì a poco.
Alla sparizione si interessò anche la trasmissione Chi l’ha vista con alcuni disperati appelli.

Gli inquirenti che seguirono il caso accertarono che le tracce di Ivan Regoli si persero nelle campagne tra Racale e Torresuda. Il suo cellullare infatti agganciò per l’ultima volta una cella nella località Li Specchi. Le perlustrazioni non diedero però frutto, anche se particolare attenzione fu messa nel cercarlo nelle centinaia di cisterne e pozzi che vi sono in zona.
La madre molto scossa per la misteriosa sparizione dichiarò che qualcosa turbava da alcuni giorni il figlio e che avrebbe voluto rivelarlo alla moglie, ma che non fece in tempo.
Sul caso di Ivan Regoli scese una coltre di omertà squarciata nel 2012 quando la madre decise di affigere la sua immagine sui muri di Matino e di Gallipoli.

Il giorno dopo quelle gigantografie furono stracciate da qualcuno.
Ora sarà la scienza e il test del DNA a stabilire se il corpo rinvenuto stamattina sia di Ivan Regoli, questo aprirà e darà certamente più linfa ad un indagine che da subito aveva individuato in un assassinio il motivo della scomparsa.

Lascia un commento

Back to Top