HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoJacob Wetterling scomparso nel 1989: dopo 27 anni di indagini arrestato Danny Heinrich, il killer

Jacob Wetterling scomparso nel 1989: dopo 27 anni di indagini arrestato Danny Heinrich, il killer

di

Jacob Wetterling stava tornando a casa in bici quando incontrò il suo assassino. Dopo 27 anni è finito dietro le sbarre, si tratta di Danny Heinrich, un ex militare.

Jacob Wetterling aveva solo 11 anni quando è scomparso in Minnesota. Era una sera d’autunno e stava tornando a casa in bici. Il suo corpo non era mai stato trovato e si sperava che fosse vivo. I genitori dopo 27 anni si sono rassegnati perché non rivedranno più Jacob. Lo scorso anno è stato arrestato il suo assassino Danny Heinrich di 53 anni, ex militare che ha confessato di aver rapito e poi ucciso il ragazzino. L’attenzione sul caso di Jacob Wetterling non si è mai spenta, la sua foto è diventata anche il simbolo della lotta contro i crimini sessuali ed è stata varata una legge “Jacob Wetterling Act”.

Danny Heinrich, all’epoca della scomparsa, era stato tra i primi sospettati ma non era stato possibile procedere al suo arresto per mancanza di prove. Quando è stato incriminato per possesso di materiale pedopornografico e crimini sessuali perpetrati ai danni di minori, l’uomo è stato interrogato a lungo e ha detto di sapere dove era stato sepolto Jacob. Nel luogo indicato sono stati trovati dei frammenti ossei, successivamente analizzati. Dopo il patteggiamento della garanzie post condanna, ha ammesso di aver ucciso il ragazzino. Condannato a 20 anni, è stato trasferito nel mese di gennaio in un istituto per criminali pedofili.

La sera del 22 ottobre 1988, Danny Heinrich fermò tre ragazzini in bicicletta, Trevor, Aaron e Jacob. Ai primi due disse che potevano andare via senza voltarsi, altrimenti li avrebbe uccisi con la sua pistola. Wetterling invece fu caricato in macchina. Il “Jacob Wetterling Act” è stato approvato nel 1994. Si tratta di un registro in cui vengono inseriti i nomi dei responsabili di crimini sessuali. Nel corso degli anni sono state molte le soffiate arrivate agli investigatori, solo nel 2010 quella “giusta” ma solo nel 2015 la polizia ascolta di nuovo Danny Heinrich che all’epoca dei fatti non aveva fornito un alibi per il giorno della scomparsa di Jacob Wetterling. C’era una prova del Dna che lo ricollegava ad un episodio di violenza sessuale su un 12enne. Durante le perquisizioni trovarono molti ritaglia di giornale e articoli su Jacob tanto da ritenerlo “persona di interesse”. Non lo ha violentato, lo ha ucciso in macchina dopo che era scoppiato a piangere dicendo di voler tornare a casa. [Fonte: Grand Hotel 39/2016]

Lascia un commento

Back to Top