HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsKristiana Coignard, uccisa a 17 anni dalla polizia: Soffriva di disturbi della personalità

Kristiana Coignard, uccisa a 17 anni dalla polizia: Soffriva di disturbi della personalità

di

Kristiana CoignardKristiana Coignard, una giovane adolescente di appena 17 anni, è stata uccisa dalla polizia di Longview, in Texas. La ragazza soffriva di crisi depressive e di disturbo bipolare della personalità

Kristiana Coignard è stata uccisa dopo essersi recata nel pomeriggio del 25 gennaio alla stazione di polizia di Longview piangendo e chiedendo l’aiuto di un poliziotto: “All’arrivo dei rangers, la ragazza avrebbe brandito un’arma di non so quale tipo gettandosi contro i poliziotti – ha raccontato il portavoce della polizia Kristie Brian – A quel punto sarebbero occorsi gli spari.”

Dopo la sparatoria, dove nessuno dei poliziotto sembra essere rimasto ferito, Kristiana Coignard è stata trasportata in fin di vita al Good Shepard Medical Centers dove purtroppo è morta poco dopo. L’autopsia eseguita sul corpo senza vita della ragazzina ha confermato che sono stati quattro i colpi di arma da fuoco che hanno causato la morte della 17enne.

I poliziotti che hanno ucciso Kristiana Coignard sono ora accusati di omicidio colposo e per il momento sono stati sospesi da lavoro. Saranno le indagini a fare maggiore chiarezza, ad individuare le cause dell’accaduto e a decretare il destino di chi ha ucciso la giovane.

I familiari della vittima hanno dichiato: “Kristiana ha subito due ricoveri negli anni scorsi dopo aver tentato di suicidarsi. E’ arrivata a Longview lo scorso Dicembre, prendeva regolarmente le medicine e vedeva anche uno psicanalista. Non aveva precedenti penali e mostrava comportamenti violenti solo su se stessa”.

La 17enne soffriva infatti di disturbi psichici che i poliziotti non avrebbero mai potuto conoscere. Kristiana Coignard soffriva di alcune malattie mentali dall’età di 4 anni, precisamente da quando morì sua madre.

Lo zio della ragazza, con il quale quest’ultima viveva ormai da anni, ha tristemente detto: “Per parecchi anni mia nipote ha sofferto di malattie mentali. Ora è in un posto migliore con la madre”.

Lascia un commento

Back to Top