HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoLa maledizione dei Brando: la storia di Christian Brando che uccise il fidanzato della sorellastra
christian brando

La maledizione dei Brando: la storia di Christian Brando che uccise il fidanzato della sorellastra

di

Il 16 maggio del 1990, Christian Brando, il figlio di Marlon, uccise con un colpo di pistola il fidanzato della sorellastra, Dag Drollet. Cheyenne, incinta, aveva raccontanto che l’uomo la picchiava e che voleva lasciarla. La notizia fece il giro del moto e per mesi giornalisti e curiosi si appostarono fuori dalla villa dell’attore che in tribunale disse: «Sono stato un pessimo padre».

christian brandoNessuno ha mai scoperto cosa è successo la sera del 16 maggio 1990 nel soggiorno della villa di Marlon Brando. L’unica cosa certa è che Christian Brando, il figlio primogenito dell’attore, ha ucciso il compagno della sorella, Dag Drollet. Cheyenne era all’ottavo mese di gravidanza, non vedeva il fratello da tempo e gli aveva parlato di quello che era successo con Dag. L’uomo la picchiava e la violentava e le aveva detto che l’avrebbe abbandonata dopo la nascita del bambino. Nonostante Cheyenne soffrisse di disturbi mentali, Christian Brando le crede. Dag è un arrogante 23enne, figlio di un personaggio politico molto importante di Tahiti.

Marlon Brando, sconvolto, si chiuse nella sua villa. Al banco dei testimoni l’attore disse di “aver fallito come padre”. Christian, avuto con Anna Kashfi, venne affidato a Brando quando aveva 12 anni. La madre faceva uso di alcol e droghe. Di lui si presero cura le babysitter sino a quando venne mandato sull’isola del Pacifico che aveva acquisitato l’attore. Nell’atollo c’erano altri 11 figli di Marlon Brando e Christian in un’intervista disse che ogni volta che si sedeva a tavola doveva chiedere il nome del nuovo arrivato. Nel 1972, all’età di 14 anni. Christian Brando viene rapito dalla madre che lo affida ad un gruppo di hippie, Anna però non ha i soldi che aveva promesso, così il ragazzino viene portato in Messico. A questo punto la banda chiede il riscatto all’attore che non avvisa la polizia ma assume dei detective. Quando Christian viene ritrovato ma ha la polmonite. Il giovane ha sempre accusato la madre per avergli trasmesso il vizio dell’acol e della droga.

Dopo aver lasciato la scuola, Christian Brando tenta la carriera del padre, ma è molto difficile vivere dietro la sua ombra. A 22 anni sceglie di andare a vivere in una capanna nello stato di Washington dove fa il saldatore e il taglialegna. Nel 1982 si sposa e dall’unione con la giovane Maria nasce Michael. Tutto sembrava andare per il meglio ma nel 1987 divorziano. Tornando alla notte della tragedia, Christian Brando racconta di aver sparato per errore. Aveva puntato una pistola contro Drollet solo per spaventarlo, il colpo sarebbe partito accidentalmente, nel tentativo da parte di Dag di disarmare Brando. Nel 1991 viene condannato a 10 anni per omicidio involontario. La storia non finisce qui.

Christian Brando raccontò ad un compagno di cella che la sorella è una pazza e che Drollet la amava e cercava di aiutarla. Cheyenne invece tentò due volte il suicidio, secondo alcune testimonianze l’omicidio fu commissionato da Marlon Brando, perché geloso di Drollet. Aveva abusato della figlia quando era piccola. Il 1995 la ragazza riuscì nel suo intento e si tolse la vita impiccandosi con i fili del telefono. Dopo 5 anni di carcere Christian Brando tornò in libertà per buona condotta. Dopo la morte del padre nel 2004, ereditò del denaro con cui risolse i problemi economici. Nello stesso anno si sposò con la figlia illeggittima di Elvis ma il matrimonio naufragò perché Christian venne denunciato per violenze coniugali. Il 17 febbraio del 2008, il figlio di Marlon Brando morì di polmonite, ma i medici sostengono che non sono riusciti a salvarlo perché malato di Aids.

Lascia un commento

Back to Top