HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsIvan Angelo Pegan l’uomo sparito a Tirana: ancora avvolta nel mistero la sua scomparsa
ivan angelo pegan

Ivan Angelo Pegan l’uomo sparito a Tirana: ancora avvolta nel mistero la sua scomparsa

di

Era cominciato tutto da una storia d’amore: una breve storia a distanza nata da una chat di incontri. Ed è stato così che sono entrati in contatto un 43enne di Fano, in cerca di un riscatto affettivo, e una misteriosa donna albanese.

ivan angelo peganIvan Angelo Pegan era già volato una prima volta a Tirana per incontrare la donna con cui comunicava solo attraverso uno schermo, ma che desiderava diventasse un punto fermo della sua vità. Alba, questo il suo nome, sembrava ricambiarlo.

Ad aprile 2013, appena rientrato da quel breve viaggio, Ivan parla già di matrimonio. Sono progetti seri, al punto che l’uomo decide di prendere una casa in affitto in attesa di regolarizzare quell’unione. Il 9 giugno 2013 succede qualcosa di molto grave: il sogno d’amore di Ivan si infrange davanti a qualcosa di terribile che l’uomo sembra aver scoperto.

Non si sa che cosa gli avesse davvero aperto gli occhi sulla donna, ma cercando su facebook si nota che la donna ha sui social vari profili. E con nomi diversi. La domanda, quindi, è lecita: chi è davvero Alba?

Forse è quello che vorrebbe scoprire Ivan. Sta di fatto che il 14 giugno 2013, solo 5 giorni dopo una delle email di fuooc che ha inviato ad ALba, l’uomo decide di tornare in Albania, ma non sembrna un incontro romantico.

Ivan Angelo Pega parte con il traghetto da Ancona verso Durazzo, con rientro previsto solo una settimana dopo:il 23 dello stesso mese. Lascia la sua autovettura nel parcheggio a pagamento dello stesso porto: è regolarmente chiusa. Inoltre, sistema per una settimanala sua cagnolina, da cui non si separa mai.

Una volta in Albania, però, le informazioni su Ivan diventano nebulose: sappiamo che per alcuni giorni usa solo una carta telefonica albanese, e risultano piccoli prelievi effettuati nel centro di Tirana. Ma proprio in quei giorni,Alba, allarmata chiama in Italia una coppia di amici di Ivan.

Il 23 giugno sarebbe previsto il rientro di Ivan in Italia, ma da questo momento inizia il buio. Alle 21.05 del 22 giugno 2013 risulta un controllo alla dogana di Durazzo, ma risulta solo Ivan Pegan, senza il secondo nome.Ma non è tutto.

Il suo traghetto, quello per Ancona, risulta salpato alle 20.34. Quindi,è in mare da oltre mezzora. Tra l’altro, sulla lista passeggeri, invita in tempo reale in Italia, ci sono 121 passeggeri, ma Ivan angelo Pegan non c’è. Per tanto in un primo momento, le autorità albanesi sono convinte che l’uomo si sia imbarcato sulla nave successiva, quella per Bari.

Ma la polizia marittima barese  controlla che il suo nome non risulta per tutta la settimana. La notizia arriva  13 mesi dopo:la compagnia di navigazione Adria Ferries, in seguito ad una richiesta della procura di Pesaro, invia una nuova lista passeggeri della tratta Durazzo – Ancona di quella sera.

Ebbene questa volta Ivan Angelo Pegan risulta magicamente a bordo, come 122esimo passeggero. Quando la sorella di Ivan contatta Alba per avere informazioni sull’uomo, la donna le dice che aveva visto Ivan per l’ultima volta in un bar di Tirana il 18 giugno.

I due avrebbero litigato animatamente ad alta voce, e al termine di quella discussione l’uomo avrebbe lasciato stranamente il suo portatile personale in quel luogo. Un computer che tornerà in Italia privo di hard disk. Perchè?

In Albania emerge che le indagini in via ufficiali sono iniziate solo ad ottobre 2014, solo dopo la denuncia della sorella di Ivan. Tuttavia, dopo 20 mesi dalla sua scomparsa qualche dubbio è venuto anche a loro. Quella sera il ragazzo risulta essere stato sottoposto ad un doppio controllo alla dogana. Ma allora, dove si è imbarcato?

E poi c’è il mistero della lista passeggeri: Ivan, nella prima lista, risultava assente. La biglietteria della compagnia, però,la seconda volta ha inviato la stessa lista, ma con il suo nome presente.

Inoltre, a Tirana, Alba sembra essere scomparsa nel nulla e il suo numero di telefono sembra disabilitato. Finalmente, dopo numerosi appelli, la procura albanese ha aperto un’inchiesta anche per omicidio.

(Fonte Chi l’Ha Visto?)

Lascia un commento

Back to Top